MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - CIRCOLARE 17 gennaio 2011, n. 1 - Istruzioni operative, per le trattenute mensili sugli stipendi dei dipendenti pubblici mediante l'istituto della delegazione con oneri a carico degli istituti delegatari. (11A00876) (GU n. 22 del 28-1-2011 | Geometra.info

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – CIRCOLARE 17 gennaio 2011, n. 1 – Istruzioni operative, per le trattenute mensili sugli stipendi dei dipendenti pubblici mediante l’istituto della delegazione con oneri a carico degli istituti delegatari. (11A00876) (GU n. 22 del 28-1-2011

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - CIRCOLARE 17 gennaio 2011, n. 1 - Istruzioni operative, per le trattenute mensili sugli stipendi dei dipendenti pubblici mediante l'istituto della delegazione con oneri a carico degli istituti delegatari. (11A00876) (GU n. 22 del 28-1-2011 )

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

CIRCOLARE 17 gennaio 2011 , n. 1

Istruzioni operative, per le trattenute mensili sugli stipendi dei
dipendenti pubblici mediante l’istituto della delegazione con oneri a
carico degli istituti delegatari. (11A00876)

Alle Amministrazioni Centrali dello
Stato
All’ Amministrazione Autonoma dei
Monopoli di Stato
Agli Uffici Centrali di Bilancio
presso le Amministrazioni Centrali
All’ Ufficio di Ragioneria presso
l’Amministrazione Autonoma dei
Monopoli di Stato
Alle Ragionerie Territoriali dello
Stato
Al Dipartimento dell’Amministrazione
Generale, del Personale e dei Servizi
Alle Direzioni Territoriali
dell’Economia e delle Finanze
Alle Agenzie Fiscali
e p.c.:
Alla Presidenza del Consiglio dei
Ministri
Al Consiglio di Stato
Alla Corte dei conti
All’ Avvocatura Generale dello Stato
All’ Istituto Nazionale di Previdenza
per i Dipendenti dell’Amministrazione
Pubblica – INPDAP
Alla Banca d’Italia

Premessa
Come noto, al ricorrere di determinati presupposti, il dipendente
pubblico puo’ avvalersi dell’istituto della delegazione di pagamento
per corrispondere le somme dovute al proprio creditore, in virtu’
degli obblighi assunti con lo stesso a seguito della stipula di un
contratto di assicurazione o di un contratto di finanziamento
(rectius: mutuo). In altri termini, il dipendente pubblico puo’
provvedere, avvalendosi della delegazione di pagamento, sia alla
corresponsione dei previsti premi di assicurazione sia al rimborso
rateale del finanziamento ottenuto.
A tale riguardo, non sembra superfluo precisare, con particolare
riferimento ai contratti di finanziamento, che la delegazione di
pagamento non va confusa con la cessione del quinto dello stipendio.
Anzi, la delegazione consente, al dipendente che ha in corso la
cessione del quinto, di accedere ad un ulteriore finanziamento,
lasciando invariato il piano di rimborso realizzato attraverso la
predetta cessione stipendiale.
Con la presente circolare – frutto della collaborazione con il
Dipartimento degli affari generali, del personale e dei servizi-DAG e
dal medesimo condivisa – si intende aggiornare e rendere piu’ snello
il procedimento amministrativo concernente le richieste di
delegazione di pagamento, raccogliere e semplificare le istruzioni
sinora diramate nonche’ precisare e definire la misura degli oneri
dovuti all’amministrazione a fronte dell’attivita’ prestata.
1. Quadro normativo di riferimento
La delegazione di pagamento trova la sua disciplina, per gli
aspetti qui di interesse, principalmente negli articoli 1269 e
seguenti del codice civile e nelle previsioni del decreto del
Presidente della Repubblica 5 gennaio 1950, n. 180, recante
l’approvazione del testo unico delle leggi concernenti il sequestro,
il pignoramento e la cessione degli stipendi, salari e pensioni dei
dipendenti dalle pubbliche amministrazioni.
In sintesi, secondo lo schema delineato dall’art. 1269 del codice
civile, la delegazione di pagamento si sostanzia nell’ordine che un
soggetto (delegante) rivolge ad un altro soggetto (delegato), di
pagare o di promettere di pagare una somma di denaro ad un terzo suo
creditore (delegatario). Il rapporto giuridico esistente tra
delegante e delegato e’ definito rapporto di provvista – spesso gia’
preesistente alla delegazione – mentre quello tra delegante e
delegatario e’ qualificato rapporto di valuta.
Il secondo comma dell’art. 1269 del codice civile precisa che il
delegato, ancorche’ debitore del delegante, non e’ tenuto ad
accettare l’incarico, per cui l’assenso alla delegazione non e’ atto
dovuto, bensi’ volontario.
Il successivo art. 1270 del codice civile statuisce, poi, che il
delegante puo’ revocare la delegazione sino a quando il delegato non
abbia assunto l’obbligazione nei confronti del delegatario,
manifestando il proprio assenso, o non abbia eseguito il pagamento.
Volendo calare la suddetta struttura giuridica nelle fattispecie
oggetto della presente circolare, la delegazione di pagamento e’
l’incarico che il dipendente pubblico affida alla amministrazione di
appartenenza – a fronte degli emolumenti spettanti per la prestazione
di lavoro e a condizione che la stessa accetti di obbligarsi – di
pagare un istituto esercente il credito o una societa’ di
assicurazione, in virtu’ dell’avvenuta sottoscrizione,
rispettivamente, di un contratto di finanziamento o di una polizza di
assicurazione. Tale fattispecie e’ generalmente qualificata come
«delegazione convenzionale».
Piu’ nello specifico, avvalendosi della delegazione convenzionale,
il dipendente pubblico in concreto puo’:
pagare i premi delle assicurazioni sulla vita o per la copertura
di rischi professionali o per la costituzione di posizioni
previdenziali integrative dell’assicurazione generale obbligatoria;
pagare le rate dei prestiti ottenuti in virtu’ di un contratto di
finanziamento.
A fianco alla delegazione convenzionale, l’art. 58 del decreto del
Presidente della Repubblica n. 180/1950 prevede delle puntuali
ipotesi di delegazione di pagamento per le quali l’amministrazione e’
tenuta, una volta accertata la sussistenza dei presupposti di legge,
a dare senz’altro esecuzione alla richiesta, non avendo spazio alcuno
per una valutazione discrezionale. In dette ipotesi, si e’ in
presenza della figura individuata anche come «delegazione legale» che
riguarda, in particolare, le trattenute concernenti il pagamento
delle quote del prezzo o della pigione afferenti ad alloggi popolari
od economici. Nella delegazione legale rientra pure la delega a
favore di organizzazioni sindacali relativamente al pagamento delle
quote associative.
La distinzione tra delegazioni legali, per le quali esiste un
obbligo di legge all’esecuzione, e delegazioni convenzionali,
soggette all’esercizio del potere discrezionale dell’amministrazione,
comporta, sotto il profilo procedimentale, un diverso trattamento.
Infatti, per le prime il servizio va reso gratuitamente, mentre, per
le seconde, una volta assentite, scatta in capo all’amministrazione
l’obbligo di recuperare i costi amministrativi sostenuti, non potendo
siffatti oneri gravare sulle spese di funzionamento della stessa
amministrazione in assenza di una specifica previsione di legge.
Considerato, poi, che le somme trattenute al dipendente sono versate
direttamente al delegatario – il quale, in ultima istanza, e’ il
beneficiario del pagamento – e la necessita’ di attivare con il
medesimo delegatario procedimenti volti al riscontro dei versamenti
attraverso anche uno scambio di informazioni, gli oneri di cui
trattasi incombono in capo a quest’ultimo.
Per quanto attiene alla delegazione di pagamento convenzionale,
inoltre, e’ opportuno ricordare sin d’ora come il decreto del
Presidente della Repubblica n. 180/1950, per tutti i dipendenti
pubblici, fissa una serie di limiti, soprattutto quantitativi. In
effetti, non va dimenticato che detto strumento di pagamento puo’
cumularsi alla cessione del quinto dello stipendio, potendo giungere
ad incidere significativamente sull’ordinaria capacita’ reddituale
del dipendente (il cumulo dei due istituti puo’ comportare una
riduzione del 40% dello stipendio netto, ulteriormente elevabile in
presenza di circostanze eccezionali).
Oltre alla normativa di rango primario sopra richiamata, la
delegazione di pagamento per i dipendenti pubblici trova una
disciplina di maggior dettaglio – soprattutto per quanto attiene agli
aspetti operativi – in vari documenti di prassi, rappresentati,
principalmente, dalle circolari di seguito elencate:
8 agosto 1995, n. 46/RGS;
16 ottobre 1996, n. 63/RGS;
11 marzo 1998, n. 29/RGS;
5 settembre 2003, n. 37/RGS;
29 luglio 2005, n. 554/DAG;
13 aprile 2006, n. 646/DAG;
20 aprile 2006, n. 654/DAG;
2 dicembre 2008, n. 35/RGS.
Cio’ precisato, come accennato in premessa, esigenze di
semplificazione amministrativa, non disgiunte dalla naturale
maturazione della necessita’ di una rivisitazione delle attuali fasi
procedimentali, hanno imposto di addivenire alla emanazione della
presente circolare, in modo da diramare nuove e piu’ organiche
istruzioni in materia, superando cosi’ le indicazioni nonche’ le
problematiche risultanti dalla stratificazione di regole e
comportamenti avvenuta nel tempo, a causa del succedersi, oltre al
parziale sovrapporsi, dei documenti di prassi teste’ ricordati.
Peraltro, si introducono significativi elementi di innovazione
procedimentale, tra i quali meritano di essere segnalati,
soprattutto, le diverse modalita’ di riscossione e la piu’ articolata
determinazione degli oneri amministrativi da porre a carico degli
istituti delegatari.
Da ultimo, non va dimenticato che, sebbene delegazione di pagamento
e cessione del quinto dello stipendio abbiano una struttura in
qualche modo simile, si tratta, in realta’, di figure giuridiche
diverse. Difatti, la cessione del quinto non e’ soggetta ad
accettazione da parte dell’amministrazione e, di norma, la
delegazione va ad aggiungersi ad una cessione dello stipendio in
atto. Neppure va trascurato che i presupposti e i limiti, tra
cessione dello stipendio e delegazione, sono in larga parte
differenti.
Relativamente alla cessione del quinto dello stipendio, si rinvia,
per maggiori approfondimenti, alle indicazioni fornite con le
circolari 3 giugno 2005, n. 21/RGS, e 13 marzo 2006, n. 13/RGS.
2. Condizioni per fruire della delegazione convenzionale
La possibilita’ per il dipendente pubblico di avvalersi dello
strumento della delegazione convenzionale di pagamento e’ legata,
dunque, al ricorrere di taluni presupposti e soggetta ad una serie di
limiti, fissati perlopiu’ direttamente dalla legge.
Quanto ai presupposti, oltre ovviamente all’esistenza di un
rapporto di impiego pubblico, la delegazione di pagamento deve avere
ad oggetto un contratto di assicurazione oppure un contratto di
finanziamento.
Nel caso di assicurazione, il contratto deve essere finalizzato a
risarcire, in tutto o in parte, i danni cagionati da eventi legati
alla vita umana (assicurazione contro gli infortuni, assicurazione
sulla vita, et similia) oppure a coprire i rischi professionali
derivanti dall’attivita’ lavorativa svolta o anche, infine, a
costituire una posizione previdenziale integrativa dell’assicurazione
generale obbligatoria. Pertanto, devono ritenersi escluse altre
tipologie di polizze aventi lo scopo di coprire rischi connessi a
«beni materiali» in senso lato, quali, ad esempio, le assicurazioni
sulla responsabilita’ civile per gli autoveicoli (cd. «R.C. auto»),
contro l’incendio o il furto relativamente all’autoveicolo o
all’abitazione, contro eventi atmosferici, sui crediti, eccetera.
Nell’ipotesi di finanziamento – essendo normalmente un negozio non
finalizzato, ma destinato a soddisfare esigenze generiche di
liquidita’ – di regola non avra’ rilievo alcuno la ricerca dei motivi
per cui e’ stato stipulato il contratto, salvo che il delegante non
intenda avvalersi della possibilita’ di oltrepassare, nel caso di
concorso con la cessione dello stipendio, la quota di un quinto al
netto delle ritenute di legge, fermi restando gli altri limiti
legali. In quest’ultima evenienza, per tutelare il dipendente da un
eccessivo indebitamento, l’amministrazione dovra’ valutare con molto
rigore le richieste pervenute – che l’interessato avra’ cura di
giustificare e documentare convenientemente – escludendo quelle
fondate su motivi non ritenuti meritevoli di tutela. Senza alcuna
pretesa di esaustivita’ e solamente a carattere orientativo, si
ritiene non possano trovare accoglimento le richieste di
finanziamento concernenti l’acquisto di beni di largo consumo o
voluttuari, le spese per le vacanze, gli esborsi per i giochi e
pronostici in generale, mentre appaiono piu’ meritevoli di positiva
considerazione le richieste volte a sostenere spese, afferenti anche
ai propri familiari, per gli studi universitari, per i viaggi legati
ad esigenze di salute, per il reintegro di perdite patrimoniali
impreviste ed imprevedibili (incidenti domestici, calamita’ naturali,
eccetera).
In ogni caso, l’amministrazione, per le delegazioni di pagamento
inerenti a finanziamenti, dovra’ sempre valutare una serie di
elementi, anche nell’interesse e per la tutela del proprio dipendente
(quali, ad esempio, la durata del prestito ed il tasso di interesse).
In entrambe le tipologie sopra tracciate per grandi linee –
delegazioni per contratti di assicurazione e delegazioni per
contratti di finanziamento – occorre che il contratto sia stato
stipulato con uno dei soggetti elencati all’art. 15 del decreto del
Presidente della Repubblica n. 180/1950 e di seguito riproposti:
a) istituti di credito o di previdenza costituiti tra impiegati e
salariati delle pubbliche amministrazioni (casse mutue, casse
sovvenzioni ed istituti similari);
b) societa’ di assicurazioni legalmente esercenti l’attivita’;
c) istituti e societa’ esercenti il credito, con esclusione delle
societa’ di persone, nonche’ le casse di risparmio e i monti di
credito su pegno.
Inoltre, soprattutto per ragioni di efficienza ed efficacia
dell’azione amministrativa, la richiesta di delegazione non puo’
avere ad oggetto, comunque, un periodo inferiore a dodici mesi.
Di converso, per i contratti di finanziamento – fatte salve le
fattispecie afferenti ai mutui stipulati per il pagamento del prezzo
dell’alloggio, giusta previsioni degli articoli 58 e seguenti del
decreto del Presidente della Repubblica n. 180/1950 – la durata
massima assentibile e’ di dieci anni.
Sempre in relazione ai contratti di finanziamento, va ricordato che
la durata del pagamento delle rate di rimborso del finanziamento –
fermi restando il termine massimo di dieci anni e le particolarita’
di cui agli articoli 58 e seguenti del decreto del Presidente della
Repubblica n. 180/1950 inerenti al pagamento del prezzo dell’alloggio
– non puo’ eccedere il rimanente periodo del contratto di lavoro, per
il personale a tempo determinato, o, comunque e per tutto il
personale, il momento di conseguimento del diritto al trattamento di
quiescenza. Le suddette prescrizioni, esplicitamente poste per la
cessione del quinto dello stipendio, sono indubbiamente applicabili
anche per i contratti di finanziamento in discorso, per i quali si
richiede di avvalersi della delegazione di pagamento.
Ulteriore presupposto per la delegazione convenzionale di pagamento
e’ l’esistenza, a monte, di una convenzione tra l’amministrazione e
gli istituti interessati nella quale, tra i vari aspetti, sia in
particolare specificato l’onere amministrativo posto a carico degli
stessi, unitamente alla indicazione delle modalita’ di versamento ed
ai consequenziali obblighi.
Per quanto concerne i limiti della delegazione convenzionale, si
evidenzia:
la quota totale delegabile non puo’ superare un quinto dello
stipendio mensile al netto delle ritenute di legge a titolo
previdenziale e fiscale (articoli 5 e 65 del decreto del Presidente
della Repubblica n. 180/1950);
in caso di concorso della delegazione convenzionale con la
cessione del quinto dello stipendio – per la quale il soggetto
finanziatore beneficiario del pagamento abbia la garanzia
dell’Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti
dell’amministrazione pubblica – INPDAP o sia egualmente assicurato
presso altri istituti – o con le delegazioni legali (pagamento di
quote di prezzo o di pigione di alloggi popolari, eccetera), il
totale delle somme trattenute non puo’, ordinariamente, superare il
40 % dello stipendio mensile, al netto delle ritenute di legge a
titolo previdenziale e fiscale, salvo casi straordinari che
l’amministrazione di appartenenza del dipendente e’ chiamata a
valutare, fornendo uno specifico e motivato assenso (art. 70 del
decreto del Presidente della Repubblica n. 180/1950 e art. 66 del
decreto del Presidente della Repubblica 28 luglio 1950, n. 895).
Corre l’obbligo di sottolineare che il rilascio dell’assenso in
questi casi deve ritenersi vincolato all’effettiva sussistenza di
situazioni del tutto eccezionali e straordinarie.
3. Convenzioni
La percorribilita’ della delegazione di pagamento, come esposto, e’
subordinata all’esistenza di una convenzione stipulata tra l’istituto
delegatario e l’amministrazione che, dal canto suo, dovra’
verificare, prima di addivenire alla sottoscrizione, la presenza ed
il rispetto di una serie di clausole ed elementi.
A carattere generale, le convenzioni, oltre a contenere i dati e
gli elementi idonei ad identificare univocamente le parti contraenti
(denominazione, sede, codice fiscale e, per gli istituti e le
societa’ esercenti il credito, numero d’iscrizione all’albo degli
intermediari finanziari di cui all’art. 106 del decreto legislativo
1° settembre 1993, n. 385, come sostituito dall’art. 7, comma 1, del
decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141) e le persone legittimate
alla sottoscrizione, dovranno evidenziare esplicitamente la loro
durata e il divieto del rinnovo tacito, nonche’ disciplinare
compiutamente la facolta’ di recesso.
Inoltre, le convenzioni dovranno prevedere che:
in caso di riduzione dello stipendio, anche a seguito delle
trattenute per recupero di crediti erariali, ai sensi dell’art. 3 del
R.D.L. 19 gennaio 1939, n. 295, convertito dalla legge 2 giugno 1939,
n. 739, ovvero di trattenute operate d’ufficio per morosita’, in
virtu’ delle previsioni recate dagli articoli 60, 61 e 62 del decreto
del Presidente della Repubblica n. 180/1950, ovvero ancora di
trattenute effettuate in base ad altre disposizioni di legge, la
quota stipendiale derivante dalla delegazione convenzionale continua
ad essere trattenuta, purche’ al delegante sia garantita la spettanza
di meta’ dello stipendio netto, calcolata prima della riduzione;
l’amministrazione non risponde per inadempienza nei confronti del
delegatario in presenza di azioni giudiziarie sugli stipendi;
per quanto non disciplinato dalla convenzione stessa, si
applicano le prescrizioni di legge ed, in particolare, i limiti
recati dal decreto del Presidente della Repubblica n. 180/1950;
il delegatario assume l’obbligo di versare gli oneri
amministrativi nella misura e secondo le modalita’ determinate
dall’amministrazione, in aderenza alle indicazioni contenute nella
presente circolare;
nel caso dell’esistenza di un’altra delegazione convenzionale in
corso, l’amministrazione dara’ seguito alla nuova delegazione
convenzionale soltanto dalla prima rata utile successiva a quella di
ricezione dell’attestazione sull’avvenuta estinzione del debito dante
causa alla precedente delegazione.
Per agevolare le amministrazioni interessate, sono stati
predisposti ed uniti alla presente circolare due schemi di
convenzioni-tipo, uno concernente i contratti di finanziamento
(allegato A) e l’altro le polizze assicurative (Allegato B).
Inoltre, le medesime amministrazioni avranno l’opportunita’ di
razionalizzare i processi amministrativi, prevedendo nell’ambito
delle convenzioni di cui all’art. 1, commi 446 e 447, della legge 27
dicembre 2006, n. 296, una delega al DAG, direzione centrale dei
sistemi informativi e dell’innovazione – DCSII per stipulare una
convenzione unificata con gli istituti delegatari, secondo i predetti
schemi di convenzione-tipo, della quale possono giovarsi tutti i
dipendenti delle amministrazioni deleganti.
4. Trattazione delle istanze di delegazione convenzionale
Le istanze di delegazione di pagamento – redatte avvalendosi dei
fac-simile uniti alla presente circolare per l’ipotesi di
finanziamento (allegato C) e per l’ipotesi di assicurazione (allegato
D) – vanno presentate, dal delegatario o direttamente a cura
dell’istante, all’amministrazione di appartenenza del medesimo
delegante.
L’amministrazione, in primo luogo, verifichera’ l’esistenza dei
requisiti soggettivi dell’istante nonche’ il rispetto delle clausole
previste nella vigente convenzione stipulata con l’istituto
delegatario.
Segnatamente per le delegazioni concernenti un contratto di
finanziamento, dovra’ essere verificato, oltre all’aspetto formale
costituito essenzialmente dalla completezza e correttezza dei dati
indicati, il rispetto dei seguenti elementi:
il tasso effettivo globale medio (TEG, da taluni indicato,
impropriamente, anche come TEGM) praticato dall’istituto finanziario
non deve superare la meta’ di quello indicato nel decreto – adottato
ogni trimestre, a norma dell’art. 2, comma 1, della legge 7 marzo
1996, n. 108, dal Ministero dell’economia e delle finanze – recante
la rilevazione dei tassi di interesse effettivi globali medi ai fini
della legge sull’usura;
la quota oggetto della delegazione non puo’ eccedere il quinto
dello stipendio, salvo ipotesi del tutto eccezionali, debitamente
motivate e documentate;
il concorso di una cessione del quinto dello stipendio e di altre
delegazioni di pagamento non puo’, in ogni modo, comportare una
riduzione dello stipendio, al netto delle ritenute fiscali e
previdenziali, superiore alla meta’;
l’esistenza di una garanzia per la restituzione del finanziamento
idonea alla copertura dei rischi elencati all’art. 32 del decreto del
Presidente della Repubblica n. 180/1950 (morte del dipendente prima
che sia estinto il debito; cessazione dal servizio del dipendente,
per qualunque causa);
l’insussistenza di trattenute sulle stipendio scaturenti dalla
concomitante presenza di una cessione del quinto dello stipendio e di
un prestito ottenuto ai sensi della legge 29 giugno 1960, n. 656,
recante la disciplina dei piccoli prestiti erogati da parte delle
casse mutue o sovvenzioni ministeriali e di istituzioni similari.
Invece, per le delegazioni di pagamento discendenti da una polizza
assicurativa, ferma restando la necessita’ del rispetto della
convenzione sottostante, l’esame da condurre e’ piu’ circoscritto,
essendo la verifica, fondamentalmente, volta ad accertare:
l’oggetto del contratto che, come gia’ esplicitato, deve riguardare
la tutela della persona umana, dei rischi professionali ovvero la
costituzione di una posizione previdenziale integrativa
dell’assicurazione generale obbligatoria;
il rispetto dei limiti quantitativi per le trattenute fissati dal
decreto del Presidente della Repubblica n. 180/1950.
Esperiti i controlli di rito, la delegazione, recante la firma del
delegante autenticata dal dirigente responsabile dell’unita’
organizzativa di appartenenza, va trasmessa d’ufficio in duplice
esemplare all’ufficio ordinatore del pagamento dello stipendio, il
quale, a sua volta, ha l’onere di inoltrare un esemplare al
delegatario e, infine, l’obbligo di provvedere ad operare la
trattenuta indicata ed a versarla, detratti gli oneri amministrativi,
al medesimo delegatario secondo le modalita’ previste nella
delegazione e nella convenzione.
Per quanto riguarda le delegazioni per contratti di finanziamento,
occorre precisare sin d’ora che la trattenuta ed il susseguente
versamento a favore dell’istituto delegatario mutuante potranno
avvenire soltanto dopo l’acquisizione dall’istituto delegatario
stesso dell’attestazione sull’effettiva avvenuta somministrazione del
finanziamento al dipendente (art. 26 del decreto del Presidente della
Repubblica n. 180/1950). A tale riguardo, sara’ interesse e cura del
medesimo istituto delegatario darne dimostrazione alla competente
amministrazione.
E’ appena il caso di precisare che per il perfezionamento della
delegazione occorre, in ogni modo, la previa accettazione formale da
parte del delegatario.
La delegazione, una volta completa in tutti i suoi elementi, va
trasmessa, come accennato, al competente ufficio ordinatore del
pagamento dello stipendio e, in particolare:
alla pertinente direzione territoriale dell’economia e delle
finanze – DTEF (ancorche’ soppresse dall’art. 2, comma 1-ter, del
decreto-legge 25 marzo 2010, n. 40, convertito, con modificazioni,
dalla legge 22 maggio 2010, n. 73), e, dal 1° marzo 2011, alla
subentrante ragioneria territoriale dello Stato – RTS (giusta decreto
del Ministro dell’economia e delle finanze del 23 dicembre 2010), per
gli uffici periferici delle amministrazioni di cui gestiscono le
partite stipendiali;
all’ufficio del personale dell’amministrazione centrale,
relativamente alle partite stipendiali dei dipendenti dalla stessa
gestite (per il Ministero dell’economia e delle finanze, tale
ufficio, incardinato nell’ambito del DAG, e’ la direzione centrale
per i servizi al personale – DCSP).
Con l’occasione, si rammenta che, a corredo della delegazione, non
dovra’ piu’ essere trasmessa copia della convenzione, attesa
l’avvenuta implementazione, a far data dal 1° ottobre 2010, di
un’apposita procedura informatizzata – per il cui dettaglio, si
rinvia alle specifiche contenute nell’allegato E – dedicata alla
gestione dei dati relativi alle convenzioni stipulate dalle
amministrazioni interessate.
Nell’ambito delle attivita’ di dematerializzazione ed e-government
della pubblica amministrazione i processi sopradescritti potranno
essere semplificati e razionalizzati in un’ottica di automazione
degli stessi.
5. Determinazione degli oneri amministrativi
L’esecuzione delle delegazioni convenzionali di pagamento
costituisce, da un lato, un vantaggio per il dipendente e per
l’istituto delegatario – entrambi garantiti nella regolarita’ dei
pagamenti e affrancati, in varia misura, da adempimenti
amministrativi e transazioni finanziarie – rappresentando nel
contempo, pero’, un onere amministrativo per la finanza pubblica che
deve essere ristorato, in considerazione dell’inevitabile e
consequenziale impiego di risorse umane e strumentali, specialmente
informatiche, da parte dell’amministrazione.
La misura di tali oneri amministrativi che gli istituti delegatari,
per fruire del servizio, si obbligano a ristorare e’ stata sinora
calcolata sull’importo base di euro 1,10 (euro uno/10), assumendo
sostanzialmente a parametro il prezzo ordinario determinato da Poste
italiane S.p.a. per i pagamenti eseguiti attraverso il bollettino di
conto corrente postale. Infatti, le indicazioni contenute, da ultimo,
nella circolare n. 35/RGS del 2008 precisano che gli oneri
amministrativi da porre a carico degli istituti delegatari sono due
volte il costo del pagamento effettuato tramite bollettino di conto
corrente postale, per cui, in concreto, sono pari, con riferimento a
ciascun mese in cui e’ operata la trattenuta, ad euro 1,10 X 2,
quindi ad euro 2,20 (euro due/20), per la prima annualita’ e per
quelle successive, sempreche’ non ricorrano i presupposti per
l’applicazione, ma solo a decorrere dalla seconda annualita’, della
misura ridotta pari ad euro 0,92 (euro zero/92), nell’ipotesi di
attivazione di un numero di delegazioni superiore a cento.
Cio’ posto, con l’obiettivo di superare un’impostazione troppo
generica e legata pressoche’ esclusivamente a circostanze esterne, si
e’ proceduto ad una rivisitazione degli oneri amministrativi in
misura piu’ puntuale, tenendo conto di una serie di elementi connessi
alle attivita’ espletate per processare le delegazioni di pagamento
(numero dei dipendenti utilizzati, relativi tempi di lavoro e
propedeutica formazione; incidenza dell’attivita’ amministrativa
prestata e ricadute sulle spese di funzionamento, anche in relazione
alle diverse tipologie di delegazione convenzionale; spese di
investimento, specialmente di natura informatica; oneri generali e
spese di spedizione; eccetera).
Le analisi svolte hanno fatto emergere la necessita’, per
rafforzare la correlazione tra oneri amministrativi effettivamente
sopportati dall’amministrazione e ristoro da parte degli istituti
delegatari, di rimodulare adeguatamente il contributo posto a carico
di questi ultimi.
In primo luogo, e’ apparsa ineludibile l’esigenza di operare una
separata individuazione degli oneri amministrativi discendenti dalle
attivita’ istruttorie e valutative iniziali, consequenziali alla
richiesta di avvalersi della delegazione convenzionale di pagamento.
I suddetti oneri, essendo strettamente connessi ad attivita’
propedeutiche aventi un significativo impatto amministrativo, devono
essere versati, a ragion veduta, eminentemente in un’unica soluzione,
in occasione della prima trattenuta operata in virtu’ della
delegazione. Cio’ nondimeno, essendo tali attivita’ propedeutiche e
funzionali all’attivazione delle trattenute stipendiali, una parte
degli oneri in questione e’ stata ripartita forfetariamente sugli
importi dovuti ogni mese.
In secondo luogo, per evidenti ragioni di semplificazione della
riscossione, si e’ affermata l’esigenza che il versamento degli oneri
amministrativi sia effettuato direttamente dall’amministrazione che
procede materialmente alla trattenuta nei confronti del dipendente,
attraverso la ritenzione sulla medesima trattenuta delle somme dovute
dall’istituto delegatario ed il loro successivo immediato
riversamento all’entrata del bilancio dello Stato.
In terzo luogo, il diseguale impatto sull’attivita’ amministrativa
delle diverse tipologie di delegazioni convenzionali – considerato in
modo non disgiunto dalla valutazione circa la diversa valenza e
rilievo sociali del sottostante rapporto di valuta – hanno condotto a
differenziare l’onere in discorso, a seconda la delegazione attenga a
contratti di finanziamento oppure a rapporti assicurativi. Infatti,
il contratto di assicurazione sulla vita, ad esempio, e’ connotato da
una fase istruttoria meno complessa e da piu’ semplici adempimenti di
riscontro nel corso del tempo, per cui i costi amministrativi
risultano, a ben vedere, significativamente minori. Invero, la
trattenuta costituita dal premio e’ operata in modo costante sino
alla scadenza della polizza e assai raramente implica, oltre al
conseguente riversamento ed ai necessari obblighi di rendicontazione,
l’espletamento di ulteriore attivita’ amministrativa. Nell’ipotesi di
finanziamento, invece, occorre procedere anche a verifiche periodiche
(ad esempio, per il rispetto delle soglie convenzionalmente previste)
nonche’ a non infrequenti interventi di aggiornamento e variazione
dati, generalmente, dietro richiesta degli istituti delegatari
(variazione dei tassi, cessioni, eccetera). Quest’ultima circostanza
e’ idonea a giustificare, nel caso di contratti di finanziamento, una
piu’ elevata misura degli oneri amministrativi da porre a carico
degli istituti delegatari. Per evidenti ragioni di semplificazione
procedimentale, tuttavia, la misura degli oneri in questione,
anziche’ essere fissata e collegata in modo puntuale alle varie
attivita’ aggiuntive singolarmente considerate e rilevate, e’ stata
determinata necessariamente in modo forfetario, ripartita e
conglobata in quella dovuta mensilmente per le operazioni di
versamento.
Infine, stante la maggiore uniformita’ e regolarita’ dell’attivita’
amministrativa afferente alla delegazione convenzionale, grazie anche
agli strumenti di prassi e all’evoluzione tecnologica, e’ da
ritenersi superata la previsione di una misura ridotta degli oneri
amministrativi dovuti nell’ipotesi di attivazione di un numero di
delegazioni superiori a cento – che trovava ragione nel presunto
realizzarsi di economie di scala – avendo tale circostanza, allo
stato, ricadute amministrative minime e, di conseguenza, effetti
trascurabili sulla determinazione degli oneri in argomento.
Cio’ precisato, sulla scorta delle analisi e degli approfondimenti
condotti, sono stati rideterminati gli oneri amministrativi, esposti
nella tabella appresso riportata, che gli istituti delegatari sono
tenuti a rifondere per ciascuna delegazione convenzionale a far data
dal 1° gennaio 2011, tanto in caso di delegazioni di nuova
attivazione, quanto per quelle gia’ in essere.

———————————————————————
Tipologia delegazione Attività Onere (euro) Periodicità
———————————————————————
Ricezione Euro 18,00
istanze ed diciotto/00) una tantum
istruttoria
——————————————
Contratti di Trattenute, Euro 2,05
finanziamento verifiche (due/05) mensile
periodiche,
variazioni,
versamenti
e rendiconta-
zione
———————————————————————
Ricezione Euro 9,00
istanze ed (nove/00) una tantum
Contratti di assicura- istruttoria
zione e contribuzioni ——————————————
per posizioni previden- Trattenute, Euro 0,65
ziali integrative versamenti (zero/65) mensile
e rendiconta-
zione
———————————————————————

Ogni due anni, su iniziativa del DAG, gli importi esposti in
tabella sono soggetti a valutazione, per il loro eventuale
aggiornamento in aumento o in diminuzione, in relazione alle
variazioni intervenute degli oneri amministrativi sostenuti per le
attivita’ connesse alle delegazioni convenzionali.
La prima valutazione in merito dovra’ essere effettuata con
riferimento alla data del 31 ottobre 2012, al fine di poter
aggiornare, sempreche’ ne dovessero ricorrere i presupposti, gli
oneri amministrativi in discorso con decorrenza 1° gennaio 2013,
ovviamente, anche per le delegazioni gia’ in essere alla medesima
data.
6. Modalita’ di versamento e controlli
In un’ottica di semplificazione degli adempimenti amministrativi da
espletare, tanto a carico degli istituti delegatari quanto
dell’amministrazione, a far data dalla mensilita’ di luglio 2011, il
versamento degli oneri dovuti, a seguito dell’attivazione delle
delegazioni di pagamento, non va piu’ eseguito dagli istituti
delegatari interessati a mezzo bollettino di conto corrente postale.
Il versamento va effettuato direttamente dalla DCSII, previa
ritenzione della quota degli oneri amministrativi relativi, da
operare, attraverso il sistema service personale tesoro – SPT, sulle
somme trattenute al dipendente e destinate ad essere accreditate
all’istituto delegatario. Pertanto, la DCSII, una volta operata la
trattenuta sulle competenze mensili del dipendente, deve provvedere a
scomputare dalla stessa gli oneri amministrativi, al fine di poterne
eseguire il riversamento al pertinente capitolo dell’entrata del
bilancio dello Stato.
Nello specifico, il suddetto riversamento dovra’ essere effettuato
contestualmente alla ritenzione degli oneri e dovra’ affluire ai
seguenti capitoli del capo X dell’entrata del bilancio dello Stato,
opportunamente differenziati tra delegazioni per finanziamenti e
delegazioni per assicurazioni:
Capitolo 3378 – «Contributi dovuti per la riscossione e il
versamento delle rate di rimborso dei mutui contratti dai dipendenti
statali da estinguere mediante l’istituto della delegazione di
pagamento»;
Capitolo 3374 – «Contributi rivenienti dall’attivita’ di
riscossione e versamento dei premi assicurativi e dei contributi
previdenziali integrativi a carico dei dipendenti, da estinguere
mediante l’istituto della delegazione di pagamento».
Con modalita’ telematiche, gli istituti delegatari, per quanto
attiene ai dati di loro specifico interesse, riceveranno mensilmente
un prospetto con l’elencazione dei dipendenti ai quali e’ stata
operata la trattenuta in esecuzione delle delegazioni convenzionali
e, conseguentemente, la commisurazione del relativi oneri
amministrativi.
I riscontri ed i controlli sui riversamenti sono effettuati
dell’ufficio centrale di bilancio presso il Ministero dell’economia e
delle finanze.
7. Fase transitoria
Le novita’ introdotte con la presente circolare – in particolar
modo per quanto attiene alla diversa modalita’ di versamento degli
oneri amministrativi, operativa, si ribadisce, con l’erogazione della
mensilita’ di luglio 2011 – impongono di fornire specifiche
indicazioni per la fase transitoria, rappresentata dal primo semestre
2011.
Gli istituti delegatari, in modo non dissimile da quanto operato
sinora, dovranno provvedere, solamente per l’anno 2011, ad effettuare
un versamento in acconto entro il 31 gennaio 2011, avvalendosi del
conto corrente postale «dedicato» n. 11283017, intestato alla sezione
di tesoreria provinciale di Viterbo, relativamente alle delegazioni
attive al 1° gennaio 2011.
Tale versamento in acconto deve essere calcolato secondo la nuova
misura degli oneri amministrativi determinata con la presente
circolare e commisurato al solo primo semestre dell’anno 2011. In
pratica, l’onere da versare sara’ di euro 12,30 (euro dodici/30),
pari ad euro 2,05 per sei mensilita’, in relazione ad ogni
delegazione per contratti di finanziamento, e di euro 3,90 (euro
tre/90), pari ad euro 0,65 per sei mensilita’, relativamente a
ciascuna delegazione per contratti di assicurazione.
Entro il 1° agosto 2011 (essendo il 31 luglio festivo), i medesimi
istituti delegatari provvederanno alle opportune operazioni di
conguaglio, sempre con riguardo al primo semestre 2011, in relazione
anche al maggior numero di delegazioni attivato nel medesimo periodo,
procedendo a versare sul predetto conto corrente postale
esclusivamente l’importo ancora dovuto a titolo di saldo. Infatti,
con la mensilita’ di luglio 2011, gli oneri amministrativi, come
illustrato in precedenza, formeranno oggetto di ritenzione diretta
nell’ambito delle procedure del sistema SPT, per cui sara’ superato
il procedimento di versamenti anticipati in acconto e successive
operazioni di conguaglio. Per quanto afferisce alle nuove delegazioni
convenzionali, attivate quindi nel primo semestre 2011, dovra’
tenersi conto, chiaramente, anche degli oneri per l’attivita’ di
«Ricezione istanze ed istruttoria» che, si ricorda, e’ pari ad euro
18,00 per ciascun contratto di finanziamento e ad euro 9,00 per ogni
contratto di assicurazione.
Al fine, poi, di agevolare i dovuti riscontri, gli istituti
delegatari avranno cura di trasmettere, non oltre il 30 settembre
2011, un esemplare delle attestazioni dei bollettini di versamento –
concernenti i versamenti effettuati entro il 31 gennaio 2011, in
acconto, ed entro il 1° agosto 2011, a saldo – all’ufficio con cui e’
stata stipulata la convenzione, il quale, dal canto suo, deve
provvedere, sulla base delle attestazioni ricevute, a compilare e
trasmettere alla ragioneria territoriale dello Stato di Viterbo un
elenco degli istituti delegatari versanti, corredato da una distinta
con gli estremi dei versamenti. Sara’ cura della predetta ragioneria
territoriale acquisire dalla coesistente sezione di tesoreria
provinciale le quietanze per poter svolgere le consequenziali
verifiche.
Per completezza, si soggiunge che nella marginale ipotesi dovessero
sorgere, in dipendenza del superamento del meccanismo di versamento
in acconto ed a saldo, degli eventuali importi a credito degli
istituti delegatari, gli stessi istituti potranno chiederne il
rimborso, osservando il procedimento disciplinato dall’art. 68, comma
3, delle istruzioni sul servizio di tesoreria dello Stato, approvate
con decreto 29 maggio 2007 del Ministro dell’economia e delle finanze
(supplemento ordinario n. 160 alla Gazzetta Ufficiale – serie
generale n. 163 del 16 luglio 2007).
8. Aspetti fiscali e indicazioni finali
In merito agli aspetti fiscali concernenti le convenzioni, si
evidenzia che le stesse sono esenti dall’imposta di bollo (art. 47
del decreto del Presidente della Repubblica n. 180/1950) e sono
soggette alla registrazione solamente in caso d’uso (art. 6 del
decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1986, n. 131). Nel
caso di richiesta di registrazione, l’imposta di registro e’
esclusivamente a carico della parte richiedente (art. 39 e art. 57,
comma 7, del decreto del Presidente della Repubblica n. 131/1986).
Per quanto inerisce alle convenzioni in essere, si raccomanda alle
amministrazioni, nel caso tali convenzioni contenessero una clausola
di rinnovo tacito, di attivarsi per tempo, al fine di far cessare la
convenzione alla prima scadenza utile. Le amministrazioni stesse, in
tal modo, potranno provvedere ad una nuova stipula, avvalendosi anche
degli schemi di convenzioni-tipo allegati alla presente circolare,
sempreche’ ovviamente ne ricorrano le condizioni, evitando comunque
di creare soluzioni di continuita’.
In proposito, giova ricordare che l’esistenza della convenzione e’
un presupposto per l’esecuzione delle delegazioni collegate, per cui
il venir meno della stessa comporta inevitabilmente per il
delegatario l’impossibilita’ di poter attivare nuove delegazioni di
pagamento.
Con l’occasione, si sottolinea l’esigenza che tutte le
amministrazioni che hanno proceduto a stipulare le convenzioni con
gli istituti delegatari provvedano a trasmettere alla DCSII, senza
alcun indugio e a mezzo posta certificata (indirizzo:
[email protected]), le opportune informazioni in merito a
tutte le variazioni riguardanti gli elementi della convenzione,
intervenute nel corso della sua validita’. A tale riguardo, si
evidenzia che negli schemi di convenzione-tipo e’ previsto a carico
dell’istituto delegatario l’obbligo di inviare un’apposita
comunicazione alla DCSII – all’indirizzo di posta certificata pocanzi
indicato ovvero, in via alternativa, con posta raccomandata – in
relazione alle variazioni dei dati essenziali concernenti l’istituto
delegatario stesso (ad esempio, cambiamento della sede o mutamento
della denominazione sociale, avvenuta cessione del credito,
eccetera).
Infine, non appare superfluo soggiungere che le presenti nuove
istruzioni superano le indicazioni fornite con le circolari n. 46/RGS
del 1995, n. 63/RGS del 1996, n. 29/RGS del 1998, n. 37/RGS del 2003
e n. 35/RGS del 2008.
Roma, 17 gennaio 2011

Il ragioniere generale dello Stato: Canzio

Allegato A

CONVENZIONE

………………………………………. (codice fiscale
…………………), di seguito “Amministrazione”, nella persona
di………………………………………………………….
…………….., nato il ………… a……………, in qualita’
di………………………………………………………….
………

e

………………………………………. con sede legale
in……………………………………………………….
(codice fiscale …………………………… e iscrizione
all’albo degli intermediari finanziari al
n…………………….), di seguito “Istituto”, nella persona
di………………………………………….., nato il
…………….. a……………………………………, in
qualita’ di…………………………………

premesso che

– l’Istituto concede finanziamenti ai dipendenti
………………………., da estinguersi con trattenute mensili
sui loro emolumenti in forza di delega da essi rilasciata;
– le parti concordano che ai fini della presente convenzione le
operazioni di delegazione di pagamento sono da ritenersi assimilate
alle cessioni del quinto dello stipendio di cui al D.P.R. n.
180/1950;
– i suddetti prestiti non sono garantiti dall’Amministrazione;
– i suddetti prestiti devono essere idoneamente garantiti dai rischi
elencati all’art. 32 del D.P.R. n.180/1950;
– l’Amministrazione non risponde, altresi’, per inadempienza nei
confronti del delegatario per fatti dipendenti da azioni
giudiziarie sugli stipendi;

visti

il D.P.R. 5 gennaio 1950, n. 180, il D.P.R. 28 luglio 1950, n. 895,
la circolare del 3 giugno 2005, n. 21/RGS, e, in particolare la
circolare del 17 gennaio 2011, n. 1/RGS, in materia di ritenute
mensili sugli stipendi dei dipendenti pubblici;

convengono e stipulano quanto segue

Art. 1

L’Amministrazione autorizza, i competenti Uffici che gestiscono il
trattamento economico, ad operare le trattenute – tranne nei casi in
cui si verifichi interruzione o sospensione di assegni – sulle
competenze mensili dei propri dipendenti che rilascino apposita
delega in favore dell’Istituto, nella misura in cui le stesse non
superino i limiti previsti dal testo unico approvato con D.P.R. 5
gennaio 1950, n. 180, e successive modificazioni.
In caso di concorso della quota delegata con cessione garantita dal
Fondo di cui all’art. 16 dello stesso D.P.R. n. 180/1950 o comunque
garantite, ai sensi del successivo art. 34, cosi’ come modificato
dall’art. 1, comma 137, della legge 30 dicembre 2004, n. 311, da
compagnie di assicurazione legalmente esercenti l’attivita’ di
garanzia, e/o con altre delegazioni, la cui esecuzione e’ atto dovuto
per l’Amministrazione, non puo’, comunque, superarsi la meta’ dello
stipendio.
Si precisa, quindi, che la quota relativa all’istituto della
delegazione deve essere unica e non superiore al singolo quinto delle
competenze mensili.

Art. 2

Agli effetti della presente convenzione, i dipendenti possono
stipulare con l’Istituto contratti di finanziamento da rimborsare
mediante delegazioni anche di durata decennale.
Eventuali richieste di rinnovo saranno consentite solo dopo che
siano decorsi i due quinti della durata dei contratti medesimi.

Art. 3

L’effettuazione delle trattenute di cui all’art. 2 verra’ eseguita
dall’Amministrazione a mezzo dei competenti uffici i quali
provvederanno alle necessarie operazioni contabili di verifica,
modifica e cessazione delle trattenute medesime.
In caso di riduzione dello stipendio, anche a seguito
dell’applicazione di ritenute per recupero di crediti erariali ai
sensi dell’art. 3 del R.D.L. 19 gennaio 1939, n. 295, o di ritenute
di ufficio per morosita’ ex artt. 60, 61 e 62 del D.P.R. n. 180/1950
o altre disposizioni di legge, la quota delegata continua ad essere
trattenuta, a condizione che al delegante sia garantita la
conservazione di meta’ dello stipendio in godimento prima della
riduzione.

Art. 4

I versamenti delle trattenute verranno operati dal Centro di
Elaborazione e Servizi del Sistema Informativo Integrato di Latina,
mediante emissione di titoli di spesa estinguibili con accreditamenti
al conto corrente bancario/postale avente le coordinate
IBAN……………………………… – o comunque altro conto
corrente indicato formalmente dall’Istituto – entro il mese
successivo a quello cui si riferiscono le trattenute medesime.

Art. 5

L’Istituto si impegna, a fronte dell’attivita’ amministrativa
concernente le trattenute stipendiali, a sostenere gli oneri
amministrativi in relazione al numero di delegazioni attive nel corso
di validita’ della presente convenzione.
Per la determinazione degli oneri amministrativi dovuti nonche’ per
le modalita’ di versamento, le parti fanno integrale riferimento e
rinvio alla circolare del 17 gennaio 2011, n. 1/RGS.
In particolare, l’Istituto si obbliga a corrispondere, “una tantum”
l’onere nella misura fissata dalla richiamata circolare pari a €
18,00 (euro diciotto/00) per ogni delega di nuova attivazione e €
2,05 (euro due/05) mensili, per ogni altra delega attiva.
Fermo restando l’esercizio della facolta’ di recesso, eventuali
successivi aggiornamenti degli oneri amministrativi saranno applicati
anche alle delegazioni gia’ in essere.

Art. 6

Il versamento degli oneri dovuti per le delegazioni di pagamento
sara’ operato mediante ritenzione degli stessi attraverso il sistema
Service Personale Tesoro-SPT, sulle somme trattenute al dipendente e
destinate ad essere accreditate all’Istituto.

Art. 7

Qualora il dipendente abbia gia’ in atto un prestito e intenda
rimborsarlo anticipatamente o contrarre un nuovo prestito con un
Istituto diverso, dovra’ richiedere al precedente cessionario il
conto del residuo debito.
Agli atti dell’Amministrazione, dovra’ pervenire la documentazione
idonea a dimostrazione dell’estinzione del prestito.
L’Amministrazione, quindi, dara’ corso alla nuova ritenuta dalla
prima rata utile successiva a quella di ricezione dell’attestazione
dell’avvenuta estinzione del debito per la precedente delegazione e
dell’erogazione del nuovo finanziamento.

Art. 8

La presente convenzione non produce effetti in relazione alle
partite stipendiali chiuse a seguito della cessazione dal servizio
per qualunque causa, a far data dall’avvenuta cessazione.

Art. 9

E’ prevista la facolta’ di recesso di ciascuna delle due parti da
esercitarsi in forma scritta e con preavviso di almeno sessanta
giorni, rispetto alla scadenza prevista dal successivo art. 10.

Art. 10

La presente convenzione entra in vigore il …………………. e
si intende valida fino al ………………… con esclusione di
rinnovo tacito, fatte comunque salve le clausole di cui agli artt.
11, 12 e 13.

Art. 11

L’Istituto si impegna ad espletare la sua attivita’ direttamente o
per il tramite di agenti in attivita’ finanziaria vincolati da
contratto monomandatario nonche’ a garantire che a tutti i dipendenti
siano praticate condizioni particolari che garantiscano un T.E.G.
(Tasso Effettivo Globale), un T.A.E.G. (Tasso Annuale Effettivo
Globale) e un I.S.C. (Indicatore Sintetico dei Costi) massimi che
siano tutti comunque inferiori al “ tasso soglia”, cosi’ come
trimestralmente definito dal Ministero dell’Economia e delle Finanze
ai sensi della legge 7 marzo 1996, n. 108, recante disposizioni in
materia di usura, relativamente alla categoria “prestiti contro
cessione del quinto dello stipendio”, del numero di punti percentuali
secondo la classificazione di seguito indicata:
a)……… punti per gli importi fino a € 5.000,00 (1)
b)……… punti per gli importi superiori a € 5.000,00 (2)

———-
(1) Esempio: il MEF per le convenzioni stipulate con validita’
dall’1/01/2010 al 31/12/2010 ha applicato una riduzione di 8 punti
percentuali.
(2) Esempio: il MEF per le convenzioni stipulate con validita’
dall’1/01/2010 al 31/12/2010 ha applicato una riduzione di 6 punti
percentuali.

Eventuali oneri addebitati ai dipendenti e riferibili in qualsiasi
modo al servizio di assicurazione, mediazione e/o consulenza
personalizzato, al ritiro e all’inoltro della documentazione
occorrente ad una corretta istruttoria della pratica di finanziamento
dovranno, quindi, tutti essere ricompresi nei suindicati valori di
riferimento.
L’eventuale inadempimento a quanto prescritto nel presente articolo
comporta la risoluzione unilaterale della presente convenzione, senza
obbligo di preavviso.

Art. 12

L’Istituto, pena la risoluzione unilaterale della presente
convenzione senza obbligo di preavviso, si impegna ad inviare
trimestralmente, entro il 15 dei mesi di aprile, luglio, ottobre e
gennaio, in quest’ultimo caso dell’anno successivo al periodo di
riferimento, una tabella relativa alle operazioni di finanziamento
concesse ai dipendenti dell’Amministrazione comprendente le sotto
indicate voci:
– nominativo debitore
– importo lordo e netto erogato
– numero ratei
– importo mensile ratei
– T.E.G. – T.A.E.G. – I.S.C.
– decorrenza e scadenza finanziamento.

Art. 13

Nel periodo di vigenza della convenzione, indicato all’art. 10,
l’Istituto si impegna a comunicare all’Amministrazione, entro il
termine di 30 giorni dal verificarsi degli eventi, qualsiasi
intervenuta variazione concernente l’Istituto stesso – quali, ad
esempio e senza pretesa di esaustivita’, il cambiamento della sede,
il mutamento della denominazione sociale, l’avvenuta cessione del
credito – nonche’ ogni fatto che ne limiti la capacita’ giuridica.
In tale evenienza, inoltre, l’Istituto dovra’ inviare un’apposita
analoga comunicazione al Ministero dell’Economia e delle Finanze-MEF,
Dipartimento degli Affari Generali, del Personale e dei Servizi-DAG,
Direzione Centrale dei Sistemi Informativi e dell’Innovazione-DCSII,
all’indirizzo di posta certificata [email protected] ovvero,
in via alternativa, con posta raccomandata.
La violazione di tali impegni costituisce motivo di risoluzione
della convenzione.

Art. 14

Il presente atto e’ esente dall’imposta di bollo, ai sensi della
normativa vigente, ed e’ soggetto a registrazione in caso d’uso con
relativa spesa a carico della parte richiedente la registrazione.
Letto, confermato e sottoscritto.

Roma,

Per l’Istituto Per l’Amministrazione
………….. …………………
………….. …………………
………….. …………………
………….. …………………

Allegato B

CONVENZIONE

………………………………………………. (codice
fiscale………………… di seguito “Amministrazione”, nella
persona di………………………………………………….,
nato il ………………… a………………….., in qualita’
di………………………………………………………….
…..

e

………………………………………. con sede legale in
……………………………………. (codice fiscale
……………………………………..), di seguito “Societa”,
nella persona di………………… nato il……………………
a……………………….., in qualita’ di………………..

premesso che

– la Societa’ stipula polizze assicurative con i dipendenti
…………………………………., il cui premio viene
corrisposto con trattenute mensili sui loro emolumenti in forza di
delega da essi rilasciata;
– le parti concordano che ai fini della presente convenzione le
operazioni di delegazione di pagamento sono da ritenersi assimilate
alle cessioni del quinto dello stipendio di cui al D.P.R. n.
180/1950;
– l’Amministrazione non risponde, per inadempienza nei confronti del
delegatario per fatti dipendenti da azioni giudiziarie sugli
stipendi;

visti

il D.P.R. 5 gennaio 1950, n. 180, il D.P.R. 28 luglio 1950, n. 895,
la circolare del 3 giugno 2005, n. 21/RGS, e, in particolare la
circolare del 17 gennaio 2011, n. 1/RGS, in materia di ritenute
mensili sugli stipendi dei dipendenti pubblici;

convengono e stipulano quanto segue

Art. 1

L’Amministrazione autorizza i competenti Uffici che gestiscono il
trattamento economico ad operare le trattenute – tranne nei casi in
cui si verifichi interruzione o sospensione di assegni – sulle
competenze mensili dei propri dipendenti che rilascino apposita
delega in favore della Societa’, nella misura in cui le stesse non
superino i limiti previsti dal testo unico approvato con D.P.R. 5
gennaio 1950, n. 180, e successive modificazioni.
In caso di concorso della quota delegata con cessione garantita dal
Fondo di cui all’art. 16 dello stesso D.P.R. n. 180/1950 o comunque
garantite, ai sensi del successivo art. 34, cosi’ come modificato
dall’art. 1, comma 137, della legge 30 dicembre 2004, n. 311, da
compagnie di assicurazione legalmente esercenti l’attivita’ di
garanzia, e/o con altre delegazioni, la cui esecuzione e’ atto dovuto
per l’Amministrazione, non puo’, comunque, superarsi la meta’ dello
stipendio.

Art. 2

Agli effetti della presente convenzione, i dipendenti possono
stipulare con la Societa’ polizze assicurative contro gli infortuni,
sulla vita, sanitarie, per la copertura di rischi professionali o per
la costituzione di posizioni previdenziali integrative
dell’assicurazione generale obbligatoria il cui premio potra’ essere
pagato mediante delegazione.

Art. 3

L’effettuazione delle trattenute di cui all’art. 2 verra’ eseguita
dall’Amministrazione a mezzo dei competenti uffici i quali
provvederanno alle necessarie operazioni contabili di verifica,
modifica e cessazione delle trattenute medesime.
In caso di riduzione dello stipendio, anche a seguito
dell’applicazione di ritenute per recupero di crediti erariali ai
sensi dell’art. 3 del R.D.L. 19 gennaio 1939, n. 295, o di ritenute
di ufficio per morosita’ ex artt. 60, 61 e 62 del D.P.R. n. 180/1950
o altre disposizioni di legge, la quota delegata continua ad essere
trattenuta, a condizione che al delegante sia garantita la
conservazione di meta’ dello stipendio in godimento prima della
riduzione.

Art. 4

I versamenti delle trattenute verranno operati dal Centro di
Elaborazione e Servizi del Sistema Informativo Integrato di Latina,
mediante emissione di titoli di spesa estinguibili con accreditamenti
al conto corrente bancario/postale avente le coordinate
IBAN……………………………… –
o comunque altro conto corrente indicato formalmente dalla Societa’
– entro il mese successivo a quello cui si riferiscono le trattenute
medesime.

Art. 5

La Societa’ si impegna, a fronte dell’attivita’ amministrativa
concernente le trattenute stipendiali, a sostenere gli oneri
amministrativi in relazione al numero di delegazioni attive nel corso
di validita’ della presente convenzione.
Per la determinazione degli oneri amministrativi dovuti nonche’ per
le modalita’ di versamento, le parti fanno integrale riferimento e
rinvio alla circolare del 17 gennaio 2011, n. 1/RGS.
In particolare, la Societa’ si obbliga a corrispondere, “una
tantum”, l’onere nella misura fissata dalla richiamata circolare pari
a € 9,00 (euro nove/00) per ogni delega di nuova attivazione e € 0,65
(euro zero/65) mensili, per ogni altra delega attiva.
Fermo restando l’esercizio della facolta’ di recesso, eventuali
successivi aggiornamenti degli oneri amministrativi saranno applicati
anche alle delegazioni gia’ in essere.

Art. 6

Il versamento degli oneri dovuti per le delegazione di pagamento
sara’ operato mediante ritenzione degli stessi attraverso il sistema
Service Personale Tesoro – SPT, sulle somme trattenute al dipendente
e destinate ad essere accreditate alla Societa’.

Art. 7

La presente convenzione non produce effetti in relazione alle
partite stipendiali chiuse a seguito della cessazione dal servizio
per qualunque causa, a far data dall’avvenuta cessazione.

Art. 8

E’ prevista la facolta’ di recesso di ciascuna delle due parti da
esercitarsi in forma scritta e con preavviso di almeno sessanta
giorni, rispetto alla scadenza prevista dal successivo art. 9.

Art. 9

La presente convenzione entra in vigore il …………. e si
intende valida fino al ………………… con esclusione di
rinnovo tacito, fatte comunque salve le clausole di cui agli artt. 10
e 11.

Art. 10

L’Amministrazione, qualora venga a conoscenza di eventuali frodi,
truffe e quant’altro illecito non conforme alla normativa riguardante
il corretto esercizio dell’attivita’ di cui trattasi da parte della
Societa’, risolve unilateralmente la presente convenzione senza
obbligo di preavviso.
In tal caso, i premi assicurativi non saranno piu’ trattenuti al
delegante ne’ versati alla Societa’.

Art. 11

Nel periodo di vigenza della convenzione, indicato all’art. 9, la
Societa’ si impegna a comunicare all’Amministrazione, entro il
termine di 30 giorni dal verificarsi degli eventi, qualsiasi
intervenuta variazione concernente la Societa’ stessa – quali, ad
esempio e senza pretesa di esaustivita’, il cambiamento della sede e
il mutamento della denominazione sociale – nonche’ ogni fatto che ne
limiti la capacita’ giuridica.
In tale evenienza, inoltre, la Societa’ dovra’ inviare un’apposita
analoga comunicazione al Ministero dell’Economia e delle Finanze-MEF,
Dipartimento degli Affari Generali, del Personale e dei Servizi-DAG,
Direzione Centrale dei Sistemi Informativi e dell’Innovazione-DCSII,
all’indirizzo di posta certificata [email protected] ovvero,
in via alternativa, con posta raccomandata.
La violazione di tali impegni costituisce motivo di risoluzione
della convenzione.

Art. 12

Il presente atto e’ esente dall’imposta di bollo, ai sensi della
normativa vigente, ed e’ soggetto a registrazione in caso d’uso con
relativa spesa a carico della parte richiedente la registrazione.
Letto, confermato e sottoscritto.

Roma,

Per la Societa’ Per l’Amministrazione
………….. …………………
………….. …………………
………….. …………………
………….. …………………

Allegato C

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato D

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato E

Parte di provvedimento in formato grafico

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – CIRCOLARE 17 gennaio 2011, n. 1 – Istruzioni operative, per le trattenute mensili sugli stipendi dei dipendenti pubblici mediante l’istituto della delegazione con oneri a carico degli istituti delegatari. (11A00876) (GU n. 22 del 28-1-2011

Geometra.info