MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 25 febbraio 2011 | Geometra.info

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 25 febbraio 2011

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 25 febbraio 2011 - Individuazione dei requisiti degli organismi espressione dell'associazionismo imprenditoriale che asseverano il programma comune di rete, ai sensi del comma 2-quater dell'articolo 42 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78. (11A04190) (GU n. 74 del 31-3-2011 )

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 25 febbraio 2011

Individuazione dei requisiti degli organismi espressione
dell’associazionismo imprenditoriale che asseverano il programma
comune di rete, ai sensi del comma 2-quater dell’articolo 42 del
decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78. (11A04190)

IL MINISTRO DELL’ECONOMIA
E DELLE FINANZE

Vista la legge 30 luglio 2010, n. 122, di conversione in legge, con
modificazioni, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, recante
misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di
competitivita’ economica;
Visto, in particolare, l’art. 42, comma 2-quater, della citata
legge n. 122 del 2010, che introduce, fino al periodo d’imposta in
corso al 31 dicembre 2012, un regime agevolativo per le imprese
aderenti al contratto di rete di cui all’art. 3, commi 4-ter e
seguenti, del decreto-legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito, con
modificazioni, dalla legge 9 aprile 2009, n. 33, e successive
modificazioni, a condizione che il programma comune di rete venga
preventivamente asseverato da organismi espressione
dell’associazionismo imprenditoriale muniti dei requisiti previsti
con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, ovvero, in
via sussidiaria, da organismi pubblici individuati con il medesimo
decreto;
Visto l’art. 3, commi 4-ter e seguenti, del decreto-legge 10
febbraio 2009, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla legge 9
aprile 2009, n. 33, e successive modificazioni, recante la disciplina
istitutiva delle reti di imprese;
Considerata la necessita’ di provvedere alla individuazione dei
requisiti che gli organismi espressione dell’associazionismo
imprenditoriale devono possedere per consentire l’asseverazione del
programma comune di rete;
Ritenuto opportuno rinviare l’individuazione degli organismi
pubblici ai quali, in via sussidiaria, e’ consentito asseverare i
suddetti programmi di rete, in quanto appare necessaria un’attenta
preventiva disamina da effettuarsi d’intesa con il Ministero dello
sviluppo economico;

Decreta:

Art. 1

Finalita’ e ambito di intervento

1. In attuazione dell’art. 42, comma 2-quater, del decreto-legge 31
maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30
luglio 2010, n. 122, il presente decreto individua i requisiti da
possedere per asseverare il programma comune di rete di cui al comma
4-ter dell’art. 3 del decreto-legge 10 febbraio 2009, n. 5,
convertito, con modificazioni, dalla legge 9 aprile 2009, n. 33.
2. L’asseverazione rilasciata a norma del presente decreto
costituisce condizione necessaria e sufficiente per la dimostrazione
dell’esistenza dei requisiti richiesti per la fruizione
dell’incentivo fiscale di cui al comma 2-quater dell’art. 42, del
decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni,
dalla legge 30 luglio 2010, n. 122 concesso alle imprese aderenti al
contratto di rete di cui al comma 4-ter dell’art. 3 del decreto-legge
10 febbraio 2009, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla legge 9
aprile 2009, n. 33.

Art. 2

Definizioni

1. Ai fini del presente decreto si intende per:
a) «Rete»: l’insieme delle imprese che stipulano il contratto
originario previsto al comma 4-ter dell’art. 3 del decreto-legge 10
febbraio 2009, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla legge 9
aprile 2009, n. 33;
b) «Programma»: il programma comune di «rete» che le imprese
attuano e al quale conseguono i benefici fiscali di cui al comma
2-quater dell’art. 42, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78,
convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122;
c) «Organo comune»: il mandatario comune che agisce in
rappresentanza delle imprese partecipanti al contratto di rete;
d) «Organismi di asseverazione»: gli organismi di diritto privato
espressione dell’associazionismo imprenditoriale abilitati alla
valutazione del «programma di rete»;
e) «Asseverazione»: l’atto conclusivo del procedimento mediante
il quale gli Organismi di asseverazione attestano il possesso dei
requisiti da parte delle imprese aderenti alla rete per fruire dei
benefici fiscali;
f) «Organismi di certificazione»: gli organismi di diritto
privato che rilasciano i certificati del sistema di qualita’ conforme
alle norme europee serie UNI EN ISO 9000.

Art. 3

Organismi di diritto privato abilitati all’asseverazione

1. Sono abilitati a rilasciare l’asseverazione del Programma gli
organismi espressi dalle Confederazioni di rappresentanza datoriale
rappresentative a livello nazionale presenti nel Consiglio nazionale
dell’economia e del lavoro ai sensi della legge 30 dicembre 1986, n.
836, espressioni di interessi generali di una pluralita’ di categorie
e territori.
2. Gli Organismi di cui al comma 1 comunicano il possesso dei
requisiti ivi indicati all’Agenzia delle entrate nelle forme e
modalita’ previste dal provvedimento del direttore dell’Agenzia delle
entrate da emanare ai sensi del comma 2-sexies dell’art. 42, del
decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni,
dalla legge 30 luglio 2010, n. 122. Entro trenta giorni dalla
comunicazione l’Agenzia delle entrate ne da’ notizia in apposita
Sezione del proprio sito.

Art. 4

Asseverazione

1. L’asseverazione del Programma comporta la verifica preventiva
della sussistenza degli elementi propri del contratto di rete e dei
relativi requisiti di partecipazione in capo alle imprese che lo
hanno sottoscritto ai sensi del comma 4-ter dell’art. 3 del
decreto-legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito, con modificazioni,
dalla legge 9 aprile 2009, n. 33.
2. Ai fini del comma 1, gli Organismi di asseverazione possono
avvalersi degli Organismi di certificazione, di Istituti
Universitari, di professionisti ed esperti di settore iscritti in
appositi Albi o Elenchi.
3. L’asseverazione e’ attestata entro trenta giorni dalla richiesta
di rilascio dell’organo comune per l’esecuzione del contratto della
rete di cui alla lettera e) del comma 4-ter dell’art. 3 del
decreto-legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito, con modificazioni,
dalla legge 9 aprile 2009, n. 33, ovvero del rappresentante della
Rete risultante dalla stipula dello stesso contratto. L’avvenuta
asseverazione e’ comunicata contestualmente, anche, all’Agenzia delle
entrate nelle forme e modalita’ previste dal provvedimento del
direttore dell’Agenzia delle entrate da emanare ai sensi del comma
2-sexies dell’art. 42, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78,
convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122.

Art. 5

Organismi di diritto pubblico

1. Con successivo decreto del Ministro dell’economia e delle
finanze d’intesa con il Ministro dello sviluppo economico sono
individuati gli organismi pubblici ai quali, in via sussidiaria, e’
consentito asseverare il programma.

Art. 6

Attivita’ di controllo

1. L’Agenzia delle entrate vigila sui contratti di rete e sulla
realizzazione degli investimenti avvalendosi dei poteri di cui al
titolo IV decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973,
n. 600. In tal senso, nell’ambito dell’ordinaria attivita’ di
controllo, l’Agenzia delle entrate puo’ effettuare tra l’altro: a) la
verifica formale dell’avvenuta asseverazione del programma, anche
mediante riscontro presso gli organismi di asseverazione; b) la
verifica della imputazione a riserva degli utili in sospensione di
imposta e dei relativi successivi utilizzi; c) la vigilanza sulla
realizzazione degli investimenti che hanno dato accesso
all’agevolazione anche in collaborazione con gli organismi di
asseverazione in base a specifici accordi.
Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 25 febbraio 2011

Il Ministro: Tremonti

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 25 febbraio 2011

Geometra.info