MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - CIRCOLARE 22 luglio 2010, n. 5107 | Geometra.info

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – CIRCOLARE 22 luglio 2010, n. 5107

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - CIRCOLARE 22 luglio 2010, n. 5107 - Circolare esplicativa sugli articoli 5, comma 2-bis, e 7, comma 2-bis, del decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 109, e successive modificazioni, recante «Attuazione della direttiva 89/395/CEE e della direttiva 89/396/CEE concernenti l'etichettatura, la presentazione e la pubblicita' dei prodotti alimentari» - Indicazione degli allergeni alimentari in etichetta. (10A09200) - (GU n. 175 del 29-7-2010 )

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

CIRCOLARE 22 luglio 2010 , n. 5107

Circolare esplicativa sugli articoli 5, comma 2-bis, e 7, comma
2-bis, del decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 109, e successive
modificazioni, recante «Attuazione della direttiva 89/395/CEE e della
direttiva 89/396/CEE concernenti l’etichettatura, la presentazione e
la pubblicita’ dei prodotti alimentari» – Indicazione degli allergeni
alimentari in etichetta. (10A09200)

Alle Associazioni imprenditoriali di
categoria e Confindustria
CONFAPI
CNA
Confcommercio
Confartigianato
Claai
Casartigiani
Loro sedi
e p.c.:
al Ministero della salute
al Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali
Loro sedi

Premessa.
La presente circolare e’ volta ad effettuare un chiarimento sulle
disposizioni relative all’indicazione degli allergeni alimentari in
etichetta, per evitare, da parte degli operatori interessati,
difficolta’ interpretative ed applicazioni non conformi alla
legislazione comunitaria vigente.
A livello comunitario, la materia degli allergeni alimentari e’
stata armonizzata dalla direttiva 2000/13/CE del Parlamento europeo e
del Consiglio del 20 marzo 2000, relativa al ravvicinamento delle
legislazioni degli Stati membri concernenti l’etichettatura e la
presentazione dei prodotti alimentari, nonche’ la relativa
pubblicita’, modificata dalla direttiva 2003/89/CE del Parlamento
europeo e del Consiglio del 10 novembre 2003 per quanto concerne
l’indicazione degli ingredienti presenti nei prodotti alimentari.
Al fine di garantire un’adeguata informazione del consumatore,
l’art. 3 di tale direttiva prevede che l’etichettatura dei prodotti
alimentari comporta, tra le indicazioni obbligatorie, l’elenco degli
ingredienti, alle condizioni e con le deroghe previste.
La disciplina relativa all’elencazione degli ingredienti e’ dettata
dall’art. 6, che stabilisce, al paragrafo 5, che l’elenco degli
ingredienti sia costituito dall’enumerazione di tutti gli ingredienti
del prodotto alimentare, in ordine di peso decrescente al momento
della loro utilizzazione.
Il medesimo art. 6 prevede, inoltre, alcuni casi particolari di
indicazione degli ingredienti nonche’ casi di esenzione dall’obbligo
di indicazione degli stessi.
In tale contesto informativo, il legislatore comunitario ha
fissato, al paragrafo 10, primo capoverso, dell’art. 6, la regola
generale valevole per gli allergeni alimentari; questi, elencati
nell’allegato III-bis o derivati da un ingrediente elencato in tale
allegato, se utilizzati nella produzione di un prodotto alimentare e
presenti nel prodotto finito anche in altra forma, devono essere
riportati sull’etichetta indicando chiaramente il nome
dell’ingrediente in questione.
Tale regola generale prevale anche sui casi particolari di
indicazione o di esenzione dall’obbligo di indicazione in etichetta
degli ingredienti, fissati al paragrafo 2, al paragrafo 6, secondo
comma, ed al paragrafo 8, secondo comma, dell’art. 6 della direttiva.
Unica eccezione a tale regola generale e’ data nel caso in cui la
denominazione di vendita del prodotto indichi essa stessa
l’allergene: in tale caso, l’informazione al consumatore si ha gia’
per realizzata e non e’, pertanto, necessario ripetere l’indicazione
dell’allergene in etichetta (paragrafo 10, secondo capoverso,
dell’art. 6 della direttiva).
Campo di applicazione.
Il recepimento in Italia della direttiva 2000/13/CE e delle
successive direttive di modifica e’ stato effettuato con decreto
legislativo 27 gennaio 1992, n. 109, e successive modificazioni,
recante «Attuazione della direttiva 89/395/CEE e della direttiva
89/396/CEE concernenti l’etichettatura, la presentazione e la
pubblicita’ dei prodotti alimentari».
La Commissione europea, nell’ambito della procedura di infrazione
2009/4583, ha formulato alcune osservazioni sul recepimento in Italia
della direttiva 2000/13/CE, con specifico riferimento alle
disposizioni relative all’indicazione degli ingredienti allergenici
nei casi particolari di indicazione e di esenzione, ravvisando
elementi di non sufficiente chiarezza.
La regola generale di obbligo di indicazione in etichetta
dell’allergene alimentare, con l’unica eccezione prevista, e’ stata
recepita dall’art. 5 del decreto legislativo 27 gennaio 1992 n. 109,
che prevede al comma 2-bis che «gli ingredienti, elencati
nell’allegato 2 sez. III, o derivati da un ingrediente elencato in
tale sezione, utilizzati nella fabbricazione di un prodotto finito e
presenti anche se in forma modificata, devono essere indicati
nell’elenco degli ingredienti se non figurano nella denominazione di
vendita del prodotto finito».
L’art. 7 del medesimo decreto legislativo disciplina i casi
particolari di esenzione dall’obbligo di indicazione in etichetta
degli ingredienti e prevede al comma 2-bis che tali esenzioni non si
applichino nel caso degli allergeni, riaffermando in tal modo la
regola generale, gia’ prevista all’art. 5, comma 2-bis, senza,
tuttavia, effettuare un esplicito collegamento con tale ultimo comma
e senza richiamare l’unica eccezione prevista alla regola generale,
vale a dire il caso in cui la denominazione di vendita del prodotto
indichi l’allergene.
Questa mancanza di coordinamento tra le due norme citate – art. 5,
comma 2-bis ed art. 7, comma 2-bis -, la cui causa e’ da ricercarsi
nella stratificazione degli interventi normativi che si sono
succeduti nel corso degli anni (quali il decreto legislativo 8
febbraio 2006, n. 114, il decreto legislativo 27 settembre 2007, n.
178, e la legge 7 luglio 2009, n. 88), puo’ far sorgere difficolta’
interpretative da parte degli operatori che commercializzano prodotti
alimentari contenenti allergeni.
Interpretazione autentica delle disposizioni.
Per evitare tali difficolta’ interpretative, si conferma, pertanto,
che l’art. 7, paragrafo 2-bis del decreto legislativo n. 109/1992
deve essere interpretato secondo la regola generale gia’ fissata
dall’art. 5, paragrafo 2-bis del medesimo decreto legislativo n.
109/1992 che, nel recepire il paragrafo 10, primo e secondo capoverso
dell’art. 6 della direttiva 2000/13/CE, stabilisce che «gli
ingredienti, elencati nell’allegato 2, sez. III, o derivati da un
ingrediente elencato in tale sezione, utilizzati nella fabbricazione
di un prodotto finito e presenti anche se in forma modificata, devono
essere indicati nell’elenco degli ingredienti se non figurano nella
denominazione di vendita del prodotto finito».

Roma, 22 luglio 2010

Il capo Dipartimento
per l’impresa e l’internalizzazione:
Tripoli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – CIRCOLARE 22 luglio 2010, n. 5107

Geometra.info