MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 12 maggio 2010 | Geometra.info

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 12 maggio 2010

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 12 maggio 2010 - Attuazione della direttiva 2009/137/CE della Commissione del 10 novembre 2009 che modifica la direttiva 2004/22/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa agli strumenti di misura. (10A08859) - (GU n. 170 del 23-7-2010 )

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

DECRETO 12 maggio 2010

Attuazione della direttiva 2009/137/CE della Commissione del 10
novembre 2009 che modifica la direttiva 2004/22/CE del Parlamento
europeo e del Consiglio relativa agli strumenti di misura. (10A08859)

IL MINISTRO
DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Vista la direttiva 2009/137/CE della Commissione che modifica la
direttiva 2004/22/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa
agli strumenti di misura per quanto riguarda lo sfruttamento degli
errori massimi tollerati di cui agli allegati specifici relativi agli
strumenti da MI-001 a MI MI-005.
Visto il decreto legislativo 2 febbraio 2007, n. 22, di attuazione
della direttiva 2004/22/CE relativa agli strumenti di misura, ed in
particolare l’art. 19, secondo cui all’aggiornamento e alla modifica
delle disposizioni degli allegati si provvede con decreto del
Ministro dello sviluppo economico, sentito il Comitato centrale
metrico;
Visto l’art. 27, commi 36 e 37, della legge 23 luglio 2009, n. 99,
secondo cui «Il Comitato centrale metrico istituito dall’art. 7 del
regio decreto 9 gennaio 1939, n. 206, e successive modificazioni, e’
soppresso» e «laddove per disposizione di legge o di regolamento e’
previsto che debba essere acquisito il parere tecnico del Comitato
centrale metrico, il Ministero dello sviluppo economico puo’ chiedere
un parere facoltativo agli istituti metrologici primari, di cui
all’art. 2 della legge 11 agosto 1991, n. 273, ovvero ad istituti
universitari, con i quali stipula convenzioni senza oneri aggiuntivi
a carico del bilancio dello Stato»;
Considerato che ai fini dell’attuazione della direttiva 2009/137/CE
della Commissione tale parere tecnico, che puo’ essere richiesto ma
non e’ obbligatorio, non appare comunque necessario, in quanto le
valutazioni anche di carattere tecnico sono state gia’ effettuate in
sede comunitaria mentre, in sede di recepimento ed attuazione
nell’ordinamento interno, non e’ consentita in questo caso alcuna
discrezionalita’ o opzione da esercitare in base ad ulteriori
valutazioni tecniche;
Visto l’art. 13 della legge 4 febbraio 2005, n. 11, che regola in
generale l’attuazione in via amministrativa delle modifiche di ordine
tecnico o esecutivo a direttive gia’ recepite, secondo cui «alle
norme comunitarie non autonomamente applicabili, che modificano
modalita’ esecutive e caratteristiche di ordine tecnico di direttive
gia’ recepite nell’ordinamento nazionale , e’ data attuazione, nelle
materie di cui all’art. 117, secondo comma, della Costituzione, con
decreto del Ministro competente per materia, che ne da’ tempestiva
comunicazione alla Presidenza del Consiglio dei Ministri –
Dipartimento per le politiche comunitarie»;
Vista la legge 14 gennaio 1994, n. 20, recante disposizioni in
materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti;
Considerata le necessita’ di attuare la direttiva 2009/137/CE,

Decreta:

Art. 1

Modifiche

1. Gli allegati specifici MI-001, MI-002, MI- 003, MI-004 e MI-005
al decreto legislativo 2 febbraio 2007, n. 22, di attuazione della
direttiva 2004/22/CE sono modificati in conformita’ all’allegato al
presente decreto.

Art. 2

Clausola di invarianza finanziaria ed entrata in vigore

1. Dall’attuazione del presente decreto non devono derivare nuovi o
maggiori oneri per la finanza pubblica. I soggetti pubblici
competenti provvedono all’attuazione dal presente decreto con le
risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione
vigente.
2. Le disposizioni del presente decreto entrano in vigore il 1°
giugno 2011.
Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 12 maggio 2010

Il Ministro ad interim: Berlusconi

Registrato alla corte dei conti 8 giugno 2010
Ufficio di controllo atti Ministeri delle attivita’ produttive,
registro n. 3 foglio n. 110

Allegato
(art. 1, comma 1)

1. Nell’allegato MI-001, nella parte «Errore massimo tollerato»
dei requisiti specifici e’ aggiunto il seguente punto 6 bis: «6-bis.
Il contatore non deve sfruttare l’errore massimo tollerato o favorire
sistematicamente una delle parti.».
2. L’allegato MI-002 e’ cosi’ modificato:
a) nella parte I, punto 2.1, il paragrafo sotto la tabella e’
sostituito dal seguente:
«Il contatore non deve sfruttare gli errori massimi tollerati o
favorire sistematicamente una parte.»;
b) nella parte II, punto 8, il seguente paragrafo e’ aggiunto
dopo la nota:
«Il dispositivo di conversione del volume non deve sfruttare gli
errori massimi tollerati o favorire sistematicamente una parte.».
3. Nell’allegato MI-003, al punto 3 dei requisiti specifici e’
aggiunto il seguente paragrafo: «Il contatore non deve sfruttare gli
errori massimi tollerati o favorire sistematicamente una parte.».
4. Nell’allegato MI-004, al punto 3 dei requisiti specifici e’
aggiunto il seguente paragrafo: «Il contatore termico completo non
deve sfruttare gli errori massimi tollerati o favorire
sistematicamente una parte.».
5. Nell’allegato MI-005, al punto 2 dei requisiti specifici e’
aggiunto il seguente punto 2.8: «2.8. Il sistema di misura non deve
sfruttare i valori massimi tollerati o favorire sistematicamente una
parte.».

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 12 maggio 2010

Geometra.info