MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 4 gennaio 2011 | Geometra.info

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 4 gennaio 2011

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 4 gennaio 2011 - Internazionalizzazione delle imprese artigiane e domande di finanziamento a valere sui residui, di cui all'articolo 1, comma 1, lettera a), del decreto del Ministero del commercio internazionale 12 febbraio 2008. (11A03384) - (GU n. 59 del 12-3-2011 )

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

DECRETO 4 gennaio 2011

Internazionalizzazione delle imprese artigiane e domande di
finanziamento a valere sui residui, di cui all’articolo 1, comma 1,
lettera a), del decreto del Ministero del commercio internazionale 12
febbraio 2008. (11A03384)

IL MINISTRO
DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Visto il decreto-legge 16 maggio 2008, n. 85, convertito in legge,
con modificazioni, dall’arti. 1, comma 1, della legge 14 luglio 2008,
n. 121, recante disposizioni urgenti per l’adeguamento delle
strutture di Governo, in applicazione dell’art. 1, commi 376 e 377,
della legge 24 dicembre 2007, n. 244;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 28 novembre 2008,
n. 197, concernente la riorganizzazione del Ministero dello sviluppo
economico, in attuazione dell’art. 1, comma 16, del decreto-legge 16
maggio 2008, n. 85, convertito, con modificazioni, dalla legge 14
luglio 2008, n. 121, e dell’ art. 74 del decreto-legge 25 giugno
2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto
2008, n. 233;
Visto il decreto del Ministro del commercio internazionale, di
concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, del 3 agosto
2007, recante le modalita’ di attuazione dell’art. 4, commi 82 e 83,
della legge n. 350/2003 concernente uno stanziamento di 10 milioni di
euro, in favore dell’internazionalizzazione delle imprese artigiane;
Visto il decreto del Ministro del commercio internazionale 12
febbraio 2008 recante modalita’ e termini per la presentazione delle
domande di finanziamento a favore dell’internazionalizzazione delle
imprese artigiane;
Visto, in particolare, l’art. 7, comma 2, del richiamato decreto,
il quale prevede che qualora si costituiscano dei residui derivanti
dal mancato utilizzo delle quote di cui all’art. 1, comma 2, i
relativi fondi tornano nella disponibilita’ centrale, per il
finanziamento di progetti interregionali;
Tenuto conto che risultano costituiti residui, per un ammontare
complessivo pari a circa 3,9 milioni di euro;
Considerata l’opportunita’ di destinare l’importo summenzionato
alle finalita’ di cui al citato art. 7, comma 2, allo scopo di
supportare il processo di internazionalizzazione delle imprese
artigiane;
Sentite le Regioni e le Province autonome;

Decreta:

Art. 1

Fondi

1. Lo stanziamento costituito dai residui derivanti dal mancato
utilizzo delle quote di cui all’art. 1, comma 2, lettera a), del
decreto 12 febbraio 2008 citato nelle premesse, e’ destinato al
cofinanziamento del 50 per cento dei costi dei progetti di promozione
all’estero, presentati da aggregazioni interregionali di imprese
artigiane.
2. Il predetto stanziamento viene gestito, ai soli fini contabili e
in rapporto agli obiettivi stabiliti dal presente decreto, da
Artigiancassa SpA.

Art. 2

Soggetti proponenti – beneficiari

1. Le domande possono essere presentate esclusivamente dai seguenti
soggetti:
a) consorzi all’esportazione collegati ad imprese artigiane, che
svolgono attivita’ in favore dell’export delle imprese associate, per
progetti che coinvolgano almeno tre imprese, la cui ragione sociale
dovra’ essere espressamente indicata nella domanda;
b) raggruppamenti, anche costituiti ad hoc, di almeno tre
imprese.
Al fine di assicurare 1’interregionalita’ dei progetti, le imprese
debbono avere sede legale o operativa in almeno due regioni diverse.
Nell’ipotesi di cui al punto b), la domanda deve essere
sottoscritta dai legali rappresentanti di tutte le aziende
partecipanti ed indicare anche il soggetto capofila del progetto, il
quale ha il compito di presentare il progetto, specificandone sia i
costi generali, sia quelli imputabili alle singole aziende. Il
soggetto capofila si assume, inoltre, la responsabilita’ della buona
gestione e della realizzazione del progetto.
2. Le imprese interessate debbono essere operative da almeno un
anno. I raggruppamenti costituiti ad hoc debbono procedere alla
creazione di una RTI, entro 30 giorni dalla data di ricevimento della
comunicazione dell’ammissione al finanziamento.
3. Ciascuna impresa puo’ partecipare ad un solo progetto, pena
1’esclusione di tutte le richieste in cui figuri la medesima ragione
sociale.
4. In caso di ammissione al finanziamento, i soggetti beneficiari
s’impegnano a rispettare la regola del «de minimis», cosi’ come
definita dalla Commissione Europea nel Regolamento CE n. 1998/2006
del 15 dicembre 2006 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione
Europea L.379 del 28 dicembre 2006), relativo all’applicazione degli
articoli 87 e 88 del Trattato degli aiuti di importanza minore («de
minimis»), di cui all’Appendice 1 dell’Allegato B. Restano escluse le
imprese con codice Ateco, di cui all’allegata Appendice 2
dell’Allegato B.

Art. 3

Caratteristiche dei progetti
ammessi al finanziamento

1. Vengono considerati ammissibili al finanziamento i progetti di
promozione all’estero di prodotti o servizi, presentati da
aggregazioni interregionali di imprese artigiane.
2. L’ammontare massimo di ciascun finanziamento, fermo restando il
limite del 50 per cento del costo complessivo del progetto, e’ pari a
100.000 euro, elevabile a 150.000 euro, in caso di domanda presentata
da almeno sette imprese.
3. I progetti possono riguardare Paesi appartenenti all’Unione
europea (U.E.), ovvero al di fuori dell’U.E.
4. I progetti devono contenere una illustrazione chiara e completa
delle finalita’ e degli obiettivi promozionali (es.: apertura di un
nuovo mercato; azioni preliminari per investimenti produttivi;
ricerca di partner commerciali; miglioramento di servizi logistici).
A titolo meramente indicativo, sono riportate di seguito alcune
tipologie d’attivita’:
a) campagne di promozione all’estero (partecipazione a fiere e
mostre, attivita’ collaterali alle presenze fieristiche, azioni di
comunicazione sul mercato, seminari, incontri bilaterali tra
operatori);
b) missioni commerciali settoriali;
c) azioni pubblicitarie e di relazioni pubbliche intese a
diffondere la conoscenza dei prodotti e/o dei marchi;
d) conferenze di commercializzazione nel territorio in cui hanno
sede raggruppamenti/distretti/filiere beneficiari, destinate ad
operatori esteri;
e) studi e consulenze finalizzati alla messa in rete delle
imprese proponenti, per una loro migliore promozione nei mercati
esteri;
f) studi di fattibilita’ per investimenti commerciali o
produttivi all’estero in show room, centri servizi, centri di
assistenza tecnica, franchising, joint venture;
g) servizi di consulenza In materia di innovazione, finalizzata
all’internazionalizzazione;
h) formazione, in materia di marketing internazionale.
5. La tipologia delle spese ammissibili e’ riportata nell’allegato
A, che costituisce parte integrante del presente decreto, con la
precisazione che verranno ammesse soltanto le spese effettuate, a
partire dal giorno successivo alla pubblicazione della graduatoria
dei progetti ammessi.
6. I progetti debbono essere completati entro dodici mesi dalla
data di comunicazione dell’ammissione al finanziamento.

Art. 4

Domande

1. Pena l’esclusione, le domande debbono essere redatte secondo lo
schema allegato (allegato B) e contenere la documentazione in esso
specificata.
2. Le domande debbono pervenire, a mezzo di raccomandata postale o
per corriere, entro e non oltre il termine di quarantacinque giorni
dalla data di pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta
Ufficiale, agli uffici di Artigiancassa SpA, riportati nell’elenco
allegato (allegato C). Copia della sola domanda deve, inoltre, essere
inviata, in formato elettronico, al Ministero dello sviluppo
economico [email protected] Ai progetti
pervenuti sara’ data adeguata visibilita’ mediante pubblicazione sul
sito internet del Ministero dello sviluppo economico.
3. Artigiancassa SpA effettuera’, per conto del Comitato paritetico
di cui all’art. 4 del decreto interministeriale 3 agosto 2007 citato
nelle premesse, la pre-istruttoria sulla conformita’ delle domande ai
requisiti previsti dal presente decreto. Tale attivita’ dovra’ essere
completata entro trenta giorni dalla scadenza del termine, di cui al
comma 2, con l’invio al Ministero dello sviluppo economico
dell’elenco dei progetti ammissibili e della relativa documentazione.

Art. 5

Criteri di valutazione

1. La valutazione dei progetti viene effettuata, tenendo conto dei
seguenti criteri di priorita’, di pari rilevanza e cumulabili tra
loro:
a) coinvolgimento di un maggior numero di imprese;
b) iniziative specificamente destinate al miglioramento della
distribuzione di prodotti italiani all’estero;
c) iniziative destinate alla promozione del marchio collettivo;
d) progetti volti a stabilizzare la presenza delle imprese sul
mercato estero prescelto;
e) progetti rivolti a filiere di imprese artigiane;
f) tipologie innovative d’intervento;
g) progetti collegati ad iniziative gia’ finanziate con altri
fondi pubblici.

Art. 6

Procedura di valutazione

1. La valutazione dei progetti da ammettere al finanziamento viene
effettuata dal Comitato paritetico, di cui all’art. 4 del decreto
interministeriale 3 agosto 2007, allargato alla partecipazione, in
qualita’ di esperti, di rappresentanti dell’Istituto per il commercio
con l’estero e delle Confederazioni nazionali dell’artigianato.
2. Al termine della valutazione, il Ministero dello sviluppo
economico procede alla predisposizione di una graduatoria dei
progetti ammissibili al finanziamento, che viene pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale e sui siti web del Ministero e di Artigiancassa
SpA.
3. Gli uffici di Artigiancassa SpA di cui all’art. 4, comma 2,
informano gli interessati sull’esito delle richieste, tramite
comunicazione scritta.

Art. 7

Fondi non assegnati

1. In caso di revoche o rinunce, i fondi resisi disponibili sono
assegnati attraverso lo scorrimento della graduatoria, di cui
all’art. 6, comma 2.
2. Eventuali fondi residui, anche derivanti da successive
rimodulazione dei progetti, possono essere utilizzati per integrare,
a consuntivo, il contributo per quei progetti che hanno documentato
costi ammissibili superiori a quanto previsto dal progetto ammesso.
3. Per assicurare il pieno utilizzo delle risorse, i residui che
dovessero ancora verificarsi sono destinati alla realizzazione, a
cura dell’Istituto per il commercio con l’estero, di campagne di
promozione all’estero, le cui finalita’, obiettivi e modalita’ di
effettuazione saranno concordate con il Comitato paritetico di cui
all’art. 4 del decreto interministeriale 3 agosto 2007.

Art. 8

Erogazione del contributo

1. Ai sensi dell’art. 3, comma 2, del decreto interministeriale del
3 agosto 2007, citato nelle premesse, lo stanziamento di cui
all’art.1 del presente decreto e’ depositato presso Artigiancassa
SpA, a cui il Ministero comunica le proprie indicazioni circa
l’erogazione dei fondi.
A tale stanziamento vengono automaticamente aggiunti tutti gli
ulteriori residui accertati relativi ai progetti finanziati
sull’importo di 9,5 milioni di euro, di cui all’art. 1, comma 2,
lettera a) del decreto 12 febbraio 2008 citato nelle premesse.
2. Per ottenere l’anticipo del 50% del finanziamento, gli
assegnatari devono presentare una specifica richiesta, che sara’
accolta previa presentazione all’ente erogatore di una fideiussione
assicurativa, bancaria ovvero rilasciata dagli intermediari
finanziari, di cui all’elenco speciale previsto dall’art. 107 del
decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, e successive
modificazioni. Tale fideiussione, di valore uguale all’anticipo, deve
essere valida per sei mesi oltre la conclusione del progetto e
prorogabile.
3. Il saldo del finanziamento viene erogato a programma concluso,
secondo le modalita’ di cui al successivo art. 9.

Art. 9

Relazione finale e verifiche

1. Entro trenta giorni dalla conclusione del progetto, il
beneficiario deve trasmettere al Ministero dello sviluppo economico
la relazione sull’attivita’ svolta e sugli obiettivi raggiunti.
2. Entro i successivi sessanta giorni il beneficiario deve
presentare la documentazione contabile, secondo le indicazioni che
saranno fornite al momento della comunicazione di ammissione a
finanziamento.
3. In caso di mancato svolgimento, parziale o totale, del progetto
il finanziamento viene ridotto in proporzione ovvero revocato per il
successivo riutilizzo dei fondi ai sensi del precedente art. 7.
4. Il Ministero dello sviluppo economico e le Regioni interessate
possono effettuare verifiche, controlli e visite in loco durante la
realizzazione dei progetti.
5. A conclusione delle procedure, il Comitato paritetico di cui
all’art. 4 del decreto interministeriale 3 agosto 2007 citato nelle
premesse, sulla base dei risultati complessivi dei programmi
finanziati, predispone una relazione sull’efficacia della misura.

Art. 10

1. Il presente decreto e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana, previo inoltro agli organi di controllo.
Roma, 4 gennaio 2011

Il Ministro: Romani

Registrato alla Corte dei conti il 17 febbraio 2011
Ufficio di controllo atti Ministeri delle attivita’ produttive,
registro n. 1, foglio n. 188

Allegato A

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato B

Parte di provvedimento in formato grafico

Allegato C

Parte di provvedimento in formato grafico

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 4 gennaio 2011

Geometra.info