PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA - CIRCOLARE 1 agosto 2011, n. 10 - Decreto-legge n. 98 del 2011, convertito in legge n. 111 del 2011 | Geometra.info

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA – CIRCOLARE 1 agosto 2011, n. 10 – Decreto-legge n. 98 del 2011, convertito in legge n. 111 del 2011

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA - CIRCOLARE 1 agosto 2011, n. 10 - Decreto-legge n. 98 del 2011, convertito in legge n. 111 del 2011 - Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria - art. 16, commi 9 e 10 - controllo sulle assenze dal servizio per malattia dei pubblici dipendenti - regime della reperibilita' - assenze per visite, terapie, prestazioni specialistiche ed esami diagnostici. (11A14756) - (GU n. 265 del 14-11-2011 )

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE
PUBBLICA

CIRCOLARE 1 agosto 2011 , n. 10

Decreto-legge n. 98 del 2011, convertito in legge n. 111 del 2011 –
Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria – art. 16,
commi 9 e 10 – controllo sulle assenze dal servizio per malattia dei
pubblici dipendenti – regime della reperibilita’ – assenze per
visite, terapie, prestazioni specialistiche ed esami diagnostici.
(11A14756)

Alle Amministrazioni pubbliche di cui
all’art. 1, comma 2, del decreto
legislativo n. 165 del 2001

Premessa.
Come noto, con il decreto-legge n. 98 del 2011, convertito in legge
n. 111 del 2011, sono state introdotte delle innovazioni in materia
di assenze per malattia dei pubblici dipendenti con particolare
riguardo al controllo mediante visita richiesta dall’amministrazione,
al regime della reperibilita’ rispetto al controllo e alle assenze
per effettuare visite specialistiche, esami diagnostici o trattamenti
terapeutici. In particolare, l’art. 16, commi 9 e 10, del decreto ha
novellato l’art. 55-septies del decreto legislativo n. 165 del 2001,
introdotto dall’art. 69 del decreto legislativo n. 150 del 2009, ed
ha contestualmente esteso in maniera esplicita il nuovo regime anche
al personale in regime di diritto pubblico, non rientrante nel campo
di applicazione del decreto legislativo n. 165 del 2001.
Le nuove norme sono entrate in vigore il 6 luglio 2011, data di
pubblicazione del decreto-legge nella Gazzetta Ufficiale (cfr.: art.
41 del decreto-legge del 2011; Gazzetta Ufficiale 6 luglio 2001, n.
155).
Per comodita’ si riporta il testo delle nuove norme:
«9. Il comma 5 dell’articolo 55-septies del decreto legislativo 30
marzo 2001, n. 165, e’ sostituito dai seguenti:
“5. Le pubbliche amministrazioni dispongono per il controllo
sulle assenze per malattia dei dipendenti valutando la condotta
complessiva del dipendente e gli oneri connessi all’effettuazione
della visita, tenendo conto dell’esigenza di contrastare e prevenire
l’assenteismo. Il controllo e’ in ogni caso richiesto sin dal primo
giorno quando l’assenza si verifica nelle giornate precedenti o
successive a quelle non lavorative.
5-bis. Le fasce orarie di reperibilita’ entro le quali devono
essere effettuate le visite di controllo e il regime delle esenzioni
dalla reperibilita’ sono stabiliti con decreto del Ministro per la
pubblica amministrazione e l’innovazione. Qualora il dipendente debba
allontanarsi dall’indirizzo comunicato durante le fasce di
reperibilita’ per effettuare visite mediche, prestazioni o
accertamenti specialistici o per altri giustificati motivi, che
devono essere, a richiesta, documentati, e’ tenuto a darne preventiva
comunicazione all’amministrazione.
5-ter. Nel caso in cui l’assenza per malattia abbia luogo per
l’espletamento di visite, terapie, prestazioni specialistiche od
esami diagnostici l’assenza e’, giustificata mediante la
presentazione di attestazione rilasciata dal medico o dalla
struttura, anche privati, che hanno svolto la visita o la
prestazione.”.
10. Le disposizioni dei commi 5, 5-bis e 5-ter, dell’articolo
55-septies, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, si
applicano anche ai dipendenti di cui all’articolo 3 del medesimo
decreto.».
L’intervento normativo riguarda:
1. i casi nei quali l’amministrazione deve disporre per il
controllo sulla malattia;
2. il regime della reperibilita’ ai fini del controllo;
3. le modalita’ di giustificazione dell’assenza nel caso di
visite, terapie, prestazioni specialistiche ed esami diagnostici;
4. l’individuazione dell’ambito soggettivo di applicazione della
nuova disciplina.
Con la presente circolare si intende illustrare le novita’
introdotte con il recente intervento normativo, chiarendo alcuni
aspetti anche a seguito di quesiti pervenuti al Dipartimento della
funzione pubblica.

1. I casi nei quali l’amministrazione deve disporre per il controllo
sulla malattia.
L’art. 16, comma 9, del decreto ha sostituito il comma 5 dell’art.
55-septies del decreto legislativo n. 165 del 2001.
La norma rimette alla discrezionalita’ del dirigente responsabile
la valutazione circa i casi nei quali richiedere il controllo sulla
malattia alle competenti strutture individuando la finalita’ generale
del controllo e ponendo i presupposti di cui tener conto nella
valutazione stessa. Infatti, la disposizione prevede che nell’ambito
dell’obiettivo generale della prevenzione e del contrasto
dell’assenteismo, la decisione di richiedere la visita deve tener
conto della condotta complessiva del dipendente e degli oneri
connessi all’effettuazione della visita. Quanto al primo aspetto, nel
valutare la condotta del dipendente, il dirigente deve considerare
elementi di carattere oggettivo, prescindendo, naturalmente, da
considerazioni o sensazioni di carattere personalistico. In ordine
all’aspetto economico, l’introduzione di questo elemento di
valutazione consente di tener conto anche delle difficolta’
(accentuatesi recentemente, ma che in realta’ rappresentano un
problema molto risalente) connesse alla copertura finanziaria per
l’effettuazione delle visite (sentenza della Corte costituzionale n.
207 del 2009).
In sostanza, l’amministrazione dovra’ decidere a seguito di una
ponderazione tra gli interessi rilevanti, disponendo per la visita a
seconda delle circostanze che concretamente si presentano di volta in
volta, tenendo presente anche il costo da sopportare per
l’effettuazione della visita stessa. Considerato che, secondo il
regime previgente, l’amministrazione doveva richiedere
obbligatoriamente la visita fiscale sin dal primo giorno di assenza
anche per assenze di un solo giorno, salvo esigenze organizzative e
funzionali. con la nuova norma e’ stata quindi introdotta una
maggiore flessibilita’ nella determinazione dell’amministrazione. per
tener conto della situazione contingente. fermo restando l’obbligo di
disporre la visita sin dal primo giorno se l’assenza si verifica
nelle giornate precedenti o successive a quelle non lavorative.

2. Il regime della reperibilita’ ai fini del controllo.
Il nuovo comma 5-bis dell’art. 55-septies del decreto legislativo
n. 165 del 2001 riguarda il regime della reperibilita’ rispetto al
controllo disposto dall’amministrazione.
Il primo periodo del nuovo comma, riprendendo quanto previsto dal
secondo periodo del comma 5 del previgente art. 55-septies, demanda
ad un decreto del Ministro per la pubblica amministrazione e
l’innovazione l’individuazione delle fasce orarie di reperibilita’
entro le quali devono essere effettuate le visite di controllo e la
disciplina del regime delle esenzioni dalla reperibilita’. In
proposito, si rammenta che in data 18 dicembre 2009 e’ stato adottato
il decreto ministeriale n. 206, recante «Determinazione delle fasce
orarie di reperibilita’ per i pubblici dipendenti in caso di assenza
per malattia.», che continua ad applicarsi per il personale soggetto
all’ambito del decreto legislativo n. 165 del 2001 e che, a partire
dall’entrata in vigore del decreto-legge n. 98 del 2001. si applica
anche al personale ad ordinamento pubblicistico di cui all’art. 3 del
decreto legislativo n. 165 del 2001.
Il secondo periodo del comma 5-bis in esame prevede che «Qualora il
dipendente debba allontanarsi dall’indirizzo comunicato durante le
fasce di reperibilita’ per effettuare visite mediche, prestazioni o
accertamenti specialistici o per altri giustificati motivi, che
devono essere, a richiesta, documentati, e’ tenuto a darne preventiva
comunicazione all’amministrazione.». La norma riprende quanto gia’
previsto dai CCNL di comparto, stabilendo un obbligo di comunicazione
preventiva all’amministrazione nel caso in cui il dipendente debba
assentarsi dal domicilio per i motivi ivi indicati. La valutazione
dei «giustificati motivi» che consentono l’allontanamento e’ rimessa
all’amministrazione di servizio, secondo le circostanze concrete
ricorrenti di volta in volta. Considerato che il dirigente
responsabile puo’ sempre chiedere la documentazione a supporto
dell’assenza dal domicilio, il dipendente deve essere in ogni caso in
grado di fornire la documentazione stessa. In caso di visite mediche,
prestazioni o accertamenti specialistici il giustificativo deve
consistere nell’«attestazione rilasciata dal medico o dalla
struttura, anche privati, che hanno svolto la visita o la
prestazione», secondo quanto previsto dal comma 5-ter dell’art. 55
del decreto legislativo n. 165 del 2001 come modificato, ferma
restando negli altri casi la facolta’ di produrre una dichiarazione
sostitutiva di atto di notorieta’ secondo la disciplina del decreto
del Presidente della Repubblica n. 445 del 2000 (in particolare.
artt. 47 e 49).
Si rammenta che, per il caso di assenza ingiustificata alla visita
fiscale, continua ad applicarsi l’art. 5 del decreto-legge n. 463 del
1983, comma 14 (come risultante dalla sentenza di illegittimita’
della Corte costituzionale n. 78 del 1988), che disciplina la
comminazione di una specifica sanzione economica a carico del
dipendente, pubblico e privato, ferma restando la possibilita’ di
applicare sanzioni disciplinari in presenza dei presupposti e a
seguito del relativo procedimento.

3. Le modalita’ di giustificazione dell’assenza nel caso di visite,
terapie, prestazioni specialistiche ed esami diagnostici.
Il nuovo comma 5-ter dell’art. 55-septies del decreto legislativo
n. 165 del 2001 stabilisce che «Nel caso in cui l’assenza per
malattia abbia luogo per l’espletamento di visite, terapie,
prestazioni specialistiche od esami diagnostici l’assenza e’
giustificata mediante la presentazione di attestazione rilasciata dal
medico o dalla struttura, anche privati, che hanno svolto la visita o
la prestazione.».
La norma introduce un regime speciale rispetto a quello contenuto
nel comma 1 dell’art. 55-septies, secondo il quale per le assenze per
malattia superiori a dieci giorni e dopo il secondo evento di
malattia nell’anno solare la giustificazione dell’assenza viene
effettuata esclusivamente mediante certificazione medica rilasciata
da una struttura sanitaria pubblica o da un medico convenzionato con
il S.S.N.. Pertanto, se l’assenza per malattia avviene per
l’espletamento di visite. terapie, prestazioni specialistiche od
esami diagnostici, il relativo giustificativo puo’ consistere anche
in una attestazione di struttura privata. Cio’ considerato, si devono
ritenere superate le indicazioni fornite sul punto nel paragrafo 1.2.
della circolare n. 8 del 2008, mentre rimane fermo quanto gia’ detto
in quella sede circa le modalita’ di imputazione dell’assenza e gli
effetti sul trattamento economico della stessa. Si precisa che, sino
a successivo adeguamento del sistema di trasmissione telematica, le
relative attestazioni possono essere prodotte in forma cartacea.

4. L’individuazione dell’ambito soggettivo di applicazione della
nuova disciplina.
Come visto, il comma 10 dell’art. 16 in esame ha stabilito che «Le
disposizioni dei commi 5, 5-bis e 5-ter, dell’articolo 55-septies,
del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, si applicano anche ai
dipendenti di cui all’articolo 3 del medesimo decreto.». Come noto,
quest’ultima disposizione («Personale in regime di diritto pubblico»)
stabilisce che le categorie di personale ivi previste rimangono
disciplinate dai rispettivi ordinamenti e sono pertanto escluse
dall’ambito di applicazione del decreto legislativo n. 165 del 2001;
si tratta, in particolare, dei magistrati ordinari. amministrativi e
contabili, degli avvocati e procuratori dello Stato, del personale
militare e delle Forze di polizia di Stato, del personale delle
carriere diplomatica e prefettizia, del Corpo nazionale dei vigili
del Fuoco, del personale della carriera dirigenziale penitenziaria,
dei professori e ricercatori universitari, nonche’ dei dipendenti
degli enti che svolgono le loro attivita’ nelle materie di cui
all’art. l del decreto legislativo Capo provvisorio dello Stato n.
691 del 1947, alla legge n. 281 del 1985 e alla legge n. 287 del
1990. La disposizione richiama l’applicazione specifica dei commi del
menzionato art. 55-septies che sono stati illustrati sopra, ossia
quelli che disciplinano i presupposti per la richiesta della visita
fiscale, il regime della reperibilita’ e le modalita’ di
giustificazione dell’assenza in caso di visite, terapie. prestazioni
specialistiche od esami diagnostici. Pertanto, fugando alcuni dubbi
interpretativi emersi dopo le modifiche varate con il decreto
legislativo n. 150 del 2009, a partire dall’entrata in vigore del
decreto-legge n. 98 del 2011 la normativa si applica anche nei
confronti delle predette categorie di personale, pur tenendo conto
delle garanzie di autonomia del plesso magistratuale di cui sono
titolari i singoli organi di autogoverno delle magistrature.
Roma, 1° agosto 2011

Il Ministro per la pubblica amministrazione
e l’innovazione
Brunetta

Registrato alla Corte dei conti il 27 settembre 2011
Ministeri istituzionali – Presidenza del Consiglio dei Ministri,
registro n. 18, foglio n. 294

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA – CIRCOLARE 1 agosto 2011, n. 10 – Decreto-legge n. 98 del 2011, convertito in legge n. 111 del 2011

Geometra.info